Con TIM dal 1° dicembre la scelta del modem sarà libera

Arrivano nuove disposizioni da TIM che faranno felici tutti: dal 1° dicembre la scelta del modem sarà libera, ecco le info più precise.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Arrivano nuove disposizioni da TIM che faranno felici tutti: dal 1° dicembre la scelta del modem sarà libera, ecco le info più precise.

Sulla sua pagina web e con una comunicazione in fattura ai suoi utenti la TIM ha comunicato che, a partire dal 1° dicembre 2018, si potrà scegliere quale modem o terminale utilizzare per l’accesso ad internet. Anche gli altri operatori telefonici, da tale data, dovranno garantire ai clienti il funzionamento perfetto (salvo limitazioni di carattere tecnico) sia della linea internet che telefonica senza modifiche delle condizioni economiche.

TIM dal 1° dicembre liberà di scegliere il modem

In applicazione alla Delibera Agcom numero 348/18/CONS dal 1° dicembre 2018 la TIM garantirà a tutti di scegliere il terminale preferito per l’accesso ad internet. Qualora si deciderà di usare ad esempio un modem diverso da quello fornito dall’operatore dal logo rosso, blu e bianco, allora (dove tecnicamente possibile) si potrà continuare a fruire dei medesimi servizi senza alcuna modifica delle condizioni economiche applicabili.

TIM sulla pagina “informa” chiarisce poi un punto: la scelta di un qualsiasi prodotto diverso da quello TIM dovrà avvenire nel rispetto delle condizioni contrattuali applicabili all’offerta attivata. Esse potranno essere consultate a questa pagina, ecco il link. Si evince infine che dovranno essere utilizzati degli strumenti con caratteristiche tecniche adeguate per fruire dei servizi di Tim. L’operatore, infatti, non effettuerà manutenzione o assistenza di prodotti scelti dal cliente. In ogni caso gli utenti di rete fissa potranno ricevere ulteriori informazioni chiamando il numero 187.

Modem libero con TIM e gli altri operatori dal 1° dicembre 2018

Tim aveva cercato di bloccare la delibera per la libera scelta del modem. Il 16 novembre 2018, però, il suo ricorso al TAR è stato respinto e allo stesso tempo sono state confermate le scadenze alle quali tutti gli operatori si dovranno adeguare. La prima è quella che prevede che entro il 30 novembre 2018 tutti coloro che forniscono accesso ad internet (e quindi gli operatori telefonici) adeguino le condizioni contrattuali e diano informazioni agli utenti aggiornate. Fino ad oggi, infatti, essi non permettevano agli utenti finali di configurare correttamente un apparecchio diverso da quello incluso nel contratto. Vi era quindi l’obbligo per tutti di utilizzare il modem fornito dalla compagnia telefonica.

Il 31 dicembre 2018, invece, sarà la data che riguarderà chi ha già un contratto in essere che prevede l’utilizzo obbligatorio e quasi sempre a pagamento del modem. Da tale data l’AGCOM comunica che le compagnie telefoniche dovranno proporre all’utente la variazione senza oneri e quindi senza spese dell’offerta in essere con una equivalente che preveda, però, la possibilità di usare un’apparecchiatura terminale a titolo gratuito che non compaia quindi in fattura. In alternativa si dovrà consentire all’utente di recedere dal contratto senza oneri diversi alla semplice restituzione del terminale.

Ciò significa che entro il 31 dicembre tutti gli operatori dovranno proporre agli utenti (che pagano per l’utilizzo del modem) un cambio di offerta che prevede l’utilizzo gratuito di tale strumento. Inoltre le compagnie telefoniche dovranno permettere di recedere gratuitamente dal contratto annullando eventuali penali previste per il modem che andrà soltanto restituito.

Leggete anche: Rimodulazioni TIM rete fissa e Tim Vision: ecco aumenti e variazioni dal 1° novembre 2018.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Per la casa, Utenze domestiche