Con l’accumulo del denaro dovuto al lockdown, gli italiani reggono la crisi ma non tutti

Dall'analisi realizzata dall'Acri in collaborazione con Ipso emerge che la percentuale che si identifica con chi risparmia senza troppe rinunce è cresciuto ancora. Negli ultimi 12 mesi è cresciuto l'accantonamento delle riserve ma non per tutti.

di , pubblicato il
Dall'analisi realizzata dall'Acri in collaborazione con Ipso emerge che la percentuale che si identifica con chi risparmia senza troppe rinunce è cresciuto ancora. Negli ultimi 12 mesi è cresciuto l'accantonamento delle riserve ma non per tutti.

Dalla ventesima edizione dell’indagine realizzata dall’Acri in collaborazione con Ipso, per la 96° giornata mondiale del risparmio che ci sarà domani, emerge che il 58% degli italiani accumula senza troppe rinunce. Grazie a tale accumulo, gli italiani riescono a mettersi al riparo da spese impreviste.

Italiani, popolo di risparmiatori

La pandemia ha portato alla contrazione dei consumi soprattutto quelli legati al fuori casa e al divertimento. Per questo gli italiani sono riusciti ad incanalare le entrate verso il risparmio senza troppi sacrifici. La maggior parte delle rinunce, infatti, non sono state legate a motivi economici.

C’è però una minoranza che si trova ancora peggio di prima sia per i consumi che per il risparmio. Parliamo delle persone che pagano più di tutti la crisi attuale e che stanno pagando ancora quella precedente. Costoro purtroppo rischiano di diventare sempre più marginalizzati e non vedono alcuna via di uscita.

Risparmio significa accumulo di liquidità

Risparmiare così come nel passato significa accumulare liquidità per il 63% degli italiani. C’è però una piccola parte che vuole investire il proprio denaro ed il 33% lo fa comprando case mentre il 29% investendo in strumenti finanziari meno rischiosi.

Dall’indagine realizzata dall’Acri con Ipsos emerge inoltre che alla base delle scelte di investimento prende sempre più spazio la solidità del soggetto che propone, con un +2% rispetto al 2019. Inoltre si evidenzia anche la crescita dell’attenzione per l’investimento finalizzato con scelte precise. Parliamo di quelle che danno sostegno al paese e che pongano l’attenzione sull’impatto ambientale e sociale.

Il risparmio: gli effetti sugli italiani

Per il 46% degli italiani risparmiare dà un senso di tranquillità e rispetto al 2019 questa forma di autotutela è cresciuta.

In vista di un futuro incerto a causa anche della pandemia, la maggior parte pensa infatti che accumulando denaro si possa essere più sereni in caso di avversità future.

Potrebbe interessarti: Risparmiare denaro ogni giorno: ecco come fare

[email protected]

Argomenti: ,