Come cambiare conto corrente per risparmiare

Ecco come fare per cambiare il conto corrente e risparmiare.

di , pubblicato il
Ecco come fare per cambiare il conto corrente e risparmiare.

Cambiare il conto corrente per risparmiare è semplice nonché economico. Ecco allora dei semplici passi da seguire per scegliere quello più idoneo alle proprie necessità e come fare a chiudere il vecchio conto corrente. Le info.

Come fare per cambiare il conto corrente

Sicuramente la prima cosa da fare per cambiare il proprio conto corrente è comparare le varie offerte proposte dagli Istituti in base alle proprie necessità.

Il suggerimento è quello di munirsi dell’ultimo estratto conto dell’anno per capire quante operazioni e sopratutto quali operazioni si sono eseguite (online ed in filiale) per confrontare al meglio le proposte delle varie Banche. Una volta fatta tale operazione si dovrà ovviamente aprire il nuovo conto. Per passare al nuovo Istituto basterà recarsi presso quello prescelto e compilare il modulo che verrà fornito. Sarà la nuova Banca, infatti, ad occuparsi del trasferimento del conto. Tale procedura, però, non dovrà superare i dodici giorni lavorativi dalla richiesta. Qualora si andasse oltre tale tempistica, allora si avrà diritto ad un risarcimento. Esso sarà proporzionale ai giorni effettivi di ritardo dalla richiesta e dalla cifra del credito che dovrà essere trasferita.

Conto corrente: ecco cosa fare per cambiarlo per risparmiare

Quando si sarà aperto un nuovo conto corrente sarà poi importante trasferire i servizi attivi sul vecchio conto al nuovo. Questa è una procedura importantissima e per farla ci si dovrà recare presso la nuova Banca e compilare i moduli che verranno forniti per il trasferimento dei pagamenti. Questi ultimi sono, infatti, gli addebiti delle rate del mutuo, gli addebiti Rid ma anche l’accredito dello stipendio e della pensione. La vecchia Banca, poi, sposterà sul nuovo conto eventuali bonifici ricorrenti che saranno inviati sul conto corrente nuovo nei dodici mesi successivi al trasferimento.

Infine si dovrà chiudere il vecchio conto. La richiesta dovrà essere fatta in forma scritta o anche attraverso raccomandata. La nuova Banca, però, potrebbe offrire anche tale servizio ma non tutti gli Istituti lo fanno. Attenzione: alla vecchia Banca, infine, dovranno essere restituiti tutti gli strumenti di pagamento ricevuti come ad esempio la carta di credito o il bancomat.

Leggete anche: Conto corrente 2019: quali sono i più convenienti per tutti, per i giovani e a costo zero.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.