Codice token Webank: cos’è, a cosa serve, quando si utilizza e info sistemi di sicurezza conti

Ecco cos'è, a cosa serve, quando si utilizza il codice Token della WeBank e le info sui sistemi di sicurezza conti.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco cos'è, a cosa serve, quando si utilizza il codice Token della WeBank e le info sui sistemi di sicurezza conti.

Il token Webank è un dispositivo fisico di sicurezza necessario per effettuare un’autenticazione. Solitamente si presenta sotto forma di oggetto di dimensioni molto piccole alimentato con batteria autonoma e dotato di uno schermo ovvero di un display. Alle volte anche di una tastiera numerica. Ci si chiede quindi a cosa serve, quando si utilizza  e quali sono i sistemi di sicurezza sui conti WeBank.

Token WeBank: come si usa

Il token WeBank è un oggetto di piccole dimensioni grazie al quale si potrà accedere al proprio conto ed effettuare delle transazioni online. Il dispositivo funzionerà in modo molto semplice: genererà infatti un codice monouso detto anche “One Time Password-OTP” che si dovrà inserire al momento dell’autorizzazione che si intende eseguire, come ad esempio un bonifico bancario.

La WeBank comunica che esistono anche dei software token per cui non sarà necessario dotarsi di dispositivi fisici. Essi genereranno un codice OTP che si potrà visualizzare sul pc o sul tablet nonché sullo smartphone dopo aver scaricato l’applicazione specifica. Ma a cosa serve il token? Ebbene a impedire a terze persone di accedere a dati bancari non autorizzati.

Usare il codice token per evitare minacce dal web

Da internet quotidianamente arrivano rischi di sottrazione dei dati personali e bancari. Proprio per evitare ciò le Banche mettono a disposizione dei loro clienti degli strumenti come il token  per proteggere la loro identità digitale mediante un sistema di doppia autenticazione. Ricordiamo che il mondo del web è ricco di tentativi di carpire i dati dei conti degli ignari utenti: primo tra tutti il phishing in cui un soggetto tenta di rubare le credenziali ad un altro soggetto facendo finta di essere un Istituto di Credito o una società affidabile.

La WeBank in ogni caso mette a disposizione dei suoi clienti, per garantire la sicurezza dei conti, due diversi strumenti. Parliamo del token fisico e di quello digitale. Con quest’ultimo sarà possibile generare il codice di sicurezza ed usarlo mediante l’applicazione di WeBank da telefono cellulare.

Leggete anche: Conto WeBank e Conto Corrente Arancio: caratteristiche e vantaggi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Conto corrente