Chiusura conto corrente, tutto quello che c’è da sapere sulle spese

Cambiare banca a costo zero: le garanzie del decreto Bersani e i costi da considerare

di Alessandra De Angelis, pubblicato il

Chiusura contoOvviamente nulla proibisce al titolare di chiudere il conto corrente aperto presso un qualsiasi istituto bancario. La chiusura non è mai vietata (salvo qualora sussistano operazioni pendenti come ad esempio un assegno non incassato) ma può capitare che siano previste clausole che la rendono particolarmente svantaggiosa e sulle quali sarebbe bene documentarsi per tempo.

Offerta conti corrente: liberi di scegliere

La situazione è decisamente migliorata rispetto a qualche anno fa: in base al Decreto Legge Bersani, sulla libera concorrenza e tutela dei consumatori, dal 2006 le banche non possono più caricare sui consumatori costi aggiuntivi per la chiusura del conto corrente in modo da scoraggiarli, anzi, il titolare di un conto corrente è completamente libero, in qualsiasi momento, di chiudere il conto corrente senza dover dare alcuna spiegazione all’istituto di riferimento. Il motivo della chiusura rileva tuttalpiù ai fini della procedura da seguire: se si chiude un conto per aprirne un altro con condizioni più vantaggiose sarà in genere la nuova banca a provvedere, su delega del cliente, all’invio di tutta la documentazione all’istituto con cui si cessano i rapporti. In caso contrario la procedura richiede l’invio di raccomandata A/R.

Costi di gestione e spese di chiusura: differenze

Il contratto non può quindi prevedere costi fissi di chiusura, neppure se occultati . Discorso diverso vale invece per i costi di gestione (ad esempio la redazione e l’invio di estratti conto, i costi per bonifici, la gestione Titoli, l’uso del Bancomat, le commissioni di Massimo Scoperto, ovvero gli interessi passivi, e le spese per i pagamenti e le ricariche), calcolati su base mensile o trimestrale, dei quali si tiene conto nel momento della chiusura. L’importo non è previsto in maniera fissa: in genere si effettua un calcolo forfettario di tutte queste voci che però potrebbe risultare sconveniente per il cliente. All’uopo è consigliabile richiedere l’assistenza di un consulente.        

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte

Leave a Reply