Casa all’asta per conto terzi: nuove regole per intestatario e acquirente

Acquisto casa all'asta per conto terzi: nuove regole per il creditore che non si intesta casa

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Acquisto casa all'asta per conto terzi: nuove regole per il creditore che non si intesta casa

L’acquirente di una casa all’asta non deve essere necessariamente il futuro intestatario dell’immobile, almeno non più. Le nuove regole dell’acquisto di immobili all’asta per conto terzi sono state fissate dal decreto legge del 3 maggio 2016, n. 59, convertito con modificazioni dalla legge 30 giugno 2016, n. 119 recante “Disposizioni urgenti in materia di procedure esecutive e concorsuali, nonchè a favore degli investitori in banche in liquidazione” e sono operative dal 2 agosto 2016.

Acquisto casa all’asta per conto terzi: modalità e procedura

Per quanto riguarda le formalità si prevede che l’acquirente debba comunicare in cancelleria, entro cinque giorni dalla pronuncia in udienza del provvedimento di assegnazione o della comunicazione, il nome del terzo a favore del quale dovrà essere trasferito l’immobile. In questo caso si salta il successivo passaggio di proprietà.

Attenzione però perché questo canale preferenziale al momento è riservato al “creditore procedente”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Immobiliare, Aste immobiliari