Carta prepagata PostePay e Hype Plus quale scegliere a marzo 2018? Ecco caratteristiche e costi

Ecco le caratteristiche ed i costi di carta prepagata PostePay e Hype Plus Banca Sella: quale scegliere a marzo 2018?

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco le caratteristiche ed i costi di carta prepagata PostePay e Hype Plus Banca Sella: quale scegliere a marzo 2018?

Hype Plus e PostePay di Poste Italiane sono due carta prepagate grazie alle quali si potranno fare acquisti in Italia e all’estero in modo semplice e veloce. Ecco allora le principali caratteristiche di entrambe nonché i costi di gestione.

Carta prepagata PostePay e Hype Plus: le info

La carta prepagata PostePay e la Hype Plus si potranno utilizzare per fare acquisti in Italia ed in tutto il mondo. La PostePay standard verrà rilasciata negli Uffici Postali, avrà un costo di rilascio di 10 euro e grazie ad essa si potrà prelevare contante presso gli sportelli bancari ed ATM Postamat senza alcun costo di gestione annuale.

Hype Plus , invece, si potrà richiedere direttamente online in pochissimi minuti e senza la necessità di presentare dei documenti cartacei (servirà quello di identità da inviare online in tutta comodità). Con Hype Plus a solo 1 euro al mese  (quindi 12 euro all’anno) si avrà una carta di pagamento contacless grazie alla quale si potranno fare acquisti in tutti i negozi ed anche in modalità online. La carta sarà collegata alla app che si potrà anche bloccare in qualsiasi momento con un tap in modo tale che nessuno potrà utilizzarla.

Caratteristiche principali di PostePay e Hype Plus, le due carte prepagate

Tra le caratteristiche principali di Hype Plus, poi, segnaliamo che non vi sarà alcuna commissione per i pagamenti così come nessuna commissione per i prelievi. Con PostePay, invece, le commissioni per i pagamenti saranno gratuite mentre i prelievi presso un ATM Postamat costeranno 1 euro e da uffici abilitati (Pos). Le commissioni per prelievi da ATM bancari abilitati in Italia e nei paesi dell’Unione Europea costeranno 2 euro mentre quelle da ATM bancari abilitati nei paesi non facenti parte dell’Unione Europea costeranno 5 euro.

Il limite di ricarica annuo per Hype Plus sarà di 50 mila euro mentre per PostePay di 3 tremila euro. Il limite singolo di prelievo da ATM con Hype Plus sarà di 500 euro invece di 250 euro mentre il limite di prelievo giornaliero da ATM sarà di 1000 euro invece di 250 euro. Per PostePay, invece, il limite di prelievo giornaliero sarà di 250euro da ATM bancario o ATM Postamat e fino a 3.000euro da uffici postali abilitati (POS).

Altre info Hype Plus e PostePay

Per quanto concerne Hype, poi, uno dei suoi punti forti sono i costi di ricarica. Quest’ultima, effettuata mediante altra carta di pagamento registrata in app, sarà gratuita fino al 31 dicembre 2018. Poi, avrà un costo di 0,9 euro per singola operazione di ricarica. Sarà gratuita con carte “PagoBancomat” di qualsiasi istituto su ATM QuiMultiBanca. La ricarica per contanti, poi, sarà gratuita presso gli sportelli di Banca Sella così come lo sarà con Iban. Infine a differenza di PostePay base la carta Hype è dotata di Iban anche nella sua versione start.

Leggete anche: PostePay di Poste Italiane e Junior: è possibile cointestarla, averne due e prelevare all’estero?.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Carta di debito e di credito, Carta PostePay