Carta di credito: tutto quello che c’è da sapere dall’utilizzo agli interessi

Tutto quello che c'è sapere sulla carta di credito: un'analisi dettagliata.

di , pubblicato il
Tutto quello che c'è sapere sulla carta di credito: un'analisi dettagliata.

La carta di credito è un tipologia di carta di pagamento ovvero uno strumento di pagamento elettronico. Essa dispone di un dispositivo mediante il quale si riconoscono i dati di identificazione dell’utente e dell’Istituto Bancario o Finanziario che la emette. Questo perché tali dati vengono memorizzati su di una banda magnetica e/o chip. Detto ciò, ecco tutto quello che c’è da sapere dagli interessi all’utilizzo.

Piccola guida sulla carta di credito per usarla al meglio

La carta di credito è uno strumento di pagamento rivolto a persone maggiorenni e che abbiano (o siano cointestatarie) di un conto corrente sia esso postale o bancario. La si può usare per effettuare acquisti via telefono, mediante il web e ovunque presso quegli esercizi commerciali che espongono però il marchio della carta. Questi ultimi devono sempre accettare tale carta senza far pagare alcun tipo di commissione o senza aggravio di costo rispetto ad altri strumenti di pagamento.

Con la carta di credito, poi, è possibile fare degli acquisti ma fino ad un limite massimo di credito attribuito. Inoltre è possibile prelevare anche denaro contante presso gli sportelli automatici che espongono il marchio. Sarà però necessario digitare il Pin ovvero il codice segreto della carta che di norma viene inviato al cliente in una busta chiusa sigillata al suo indirizzo poco dopo la richiesta della stessa.

Carta di credito: piccola guida per utilizzarla al meglio

Gli interessi inerenti alla carta di credito si pagano se viene chiesto il pagamento rateale. Il tasso, poi, è quello che viene riportato sulla copia “termini e condizioni foglio informativo” nonché sull’estratto conto di ogni mese.

Qualora si voglia richiedere alle Poste o alla Banca una carta per un familiare che però non ha un reddito proprio o non è cointestatario di un conto di solito lo si potrà fare.

La condizione necessaria, però, sarà che la carta principale dovrà essere emessa al titolare di conto corrente. Le spese della carta aggiuntiva, quindi, saranno addebitate sul conto del titolare della carta principale e saranno visibili sull’estratto conto sempre della carta principale.

Per quanto concerne il furto o lo smarrimento (se dovesse verificarsi una delle due opzioni) si dovrà effettuare subito il blocco della carta chiamando il numero telefonico verde gratuito dell’emittente sia che ci si trovi in Italia che all’estero. Fatta tale chiamata, infatti, verranno immediatamente attivate tutte le procedure di sicurezza che consentiranno di evitare che vi siano danni economici e rischi.

Leggete anche: Joker vi svuota la carta associata a Google, ecco le app con il virus

[email protected]

Argomenti: ,