Carta di credito, pagamenti sicuri e senza costi aggiuntivi: i consigli

Carta di credito sicura? Certo, basta essere accorti. E se qualcuno ti addebita commissioni extra, pretendi il rimborso. Il Codice del Consumo sta dalla tua parte.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Carta di credito sicura? Certo, basta essere accorti. E se qualcuno ti addebita commissioni extra, pretendi il rimborso. Il Codice del Consumo sta dalla tua parte.

Usi la carta di credito per l’acquisto di un bene o di un servizio e ti ritrovi a pagare di più? E’ quanto sperimentano non pochi titolari, specie con l’acquisto di biglietti aerei online. La pratica di aggravare il prezzo della transazione, perché il pagamento è avvenuto con carta di credito, è contraria al Codice del Consumo, per cui il cliente ha in questi casi il diritto di farsi restituire le maggiorazioni applicate. Per farlo, dovrà chiedere il rimborso alla banca o all’istituto emittente. Se non otterrai una risposta entro i successivi 30 giorni, potrai ricorrere all’Arbitrato bancario. In quest’ultimo caso, però, dovrai pagare 20 euro per il ricorso, che ti verranno restituiti nel caso anche di sola parziale vittoria sulla controparte.

Frodi carta

L’utilizzo della carta di credito è in sé sicuro, tanto che le frodi ammontano ad appena lo 0,01% dei casi, ovvero rappresentano una transazione su 10.000. In ogni caso, è bene tenere in mente alcuni accorgimenti per evitare dispiaceri. Il primo consiste nel controllo costante dell’estratto conto: se visualizzi anomalie, come spese addebitate per acquisti mai autorizzati o doppi addebiti, provvedi immediatamente a bloccare la carta.

Phishing, come evitarlo

Uno dei rischi più temibili si chiama “phishing” e consiste nella richiesta di invio di dati, generalmente tramite indirizzo email, che mai e poi mai corrisponde a una sollecitazione della banca o dell’emittente della carta. E’ bene metterselo in testa: mai dovete inviare dati personali o relativi al conto corrente o alla carta di credito per email, cellulare, etc., perché anche qualora l’indirizzo vi sembri quello corretto, così non è, si tratta semplicemente di un tentativo di truffa. Dovete solamente segnalarlo alla polizia postale e immediatamente spostare in “spam” l’email ricevuta.      

Rischio clonazione carta

Quando effettui un acquisto da un venditore appartenente a un circuito autorizzato, controlla sempre lo scontrino per verificare che la transazione sia stata addebitata per il prezzo corretto. Ed evita sempre di lasciare la carta di credito per troppo tempo nelle mani altrui in un negozio, perché potresti incappare nel rischio di clonazione, ovvero di copia dei dati della carta, che sarebbe così riprodotta e utilizzata da terzi a tua insaputa. Se ti accorgi che ciò sia avvenuto, bloccala all’istante e denuncia l’accaduto al Comando dei Carabinieri o al Commissariato della Polizia di Stato.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte