Cambio ora legale 2018: le lancette un’ora avanti o indietro? I benefici saranno energetici o sulla salute?

Il cambio dell'ora da solare a legale in che data precisa del 2018 ci sarà? Le lancette si dovranno spostare un'ora avanti o indietro e benefici saranno più energetici o per la salute?

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Il cambio dell'ora da solare a legale in che data precisa del 2018 ci sarà? Le lancette si dovranno spostare un'ora avanti o indietro e benefici saranno più energetici o per la salute?

Manca davvero pochissimo al cambio dell’ora che da solare passerà a legale. Le giornate si stanno allungando sempre più e proprio per questo a breve si adotterà la nuova ora per risparmiare sull’energia sfruttando al meglio la luce del sole. La data del 2018, quindi, quale sarà e sopratutto le lancette dei nostri orologi si dovranno spostare un’ora avanti o un’ora indietro? Ecco le info, quelle sul risparmio energetico e sulla salute.

Data e info risparmio energetico ora legale 2018

Nella notte (precisamente alle 2) tra il 24 ed il 25 marzo 2018 le lancette dei nostri orologi dovranno essere portati un’ora avanti in quanto avverrà il cambio di ora che da solare diverrà legale. Il sole, quindi, tramonterà la sera un’ora dopo e tutti saranno più contenti di poter svolgere le loro attività fino al tardo pomeriggio senza rischiare di essere avvolti dal buio.

Ovviamente l’ora legale non aumenterà le ore di luce ma indurrà tutti a sfruttarle maggiormente, almeno quelle che di solito si sprecano per abitudini di orario. La società Terna, che è quella che regola i flussi energetici nel nostro paese, ha comunicato che con l’ora legale davvero vi è stato un risparmio energetico fino ad ora di circa 555 milioni di kilowattora. Ricordiamo che in media 1 kilowattora costa 18.63 centesimi al lordo delle imposte e proprio per questo si stima che nel 2017 il risparmio sia stato di 104 milioni di euro. Un’ottima cifra se si pensa che di recente si è cercato di abolirla.

Ora legale e la salute

Mal di testa, sonnolenza, cattivo umore, scarsa concentrazione e astenia. Questi saranno i principali effetti collaterali del cambio di ora che ci sarà l’ultimo week-end di marzo 2018. Ricordiamo che l’impatto dell’ora legale sul nostro organismo è dovuto a quello che si chiama “ritmo circadiano” ovvero l’orologio interno che regola molte funzioni del nostro organismo.

Una delle sostanze che vengono coinvolte quando si cambia l’ora è la melatonina che solitamente si sintetizza quando fa buio ed aiuta a dormire. Con l’ora legale, però, la luce dura di più fino alla sera per cui l’organismo si confonde ed ha bisogno di un po’ di tempo per recuperare. Solitamente i mattinieri non risentono molto del cambio di ora mentre coloro che si svegliano tardi sì. Alcuni di questi ultimi, infatti, hanno bisogno anche di tre settimane per rimettersi in carreggiata.

Leggete anche: Cambio ora 2018: ecco quanto si risparmia con l’ora legale nonché la data dopo l’equinozio di primavera.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Eventi, Risparmiare

I commenti sono chiusi.