Cambio ora da legale a solare 2018 sarà davvero l’ultimo e il risparmio energetico?

Questo fine settimana ci sarà il cambio da ora legale a solare: sarà davvero l'ultimo? Ecco le info e quelle sul risparmio energetico.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Questo fine settimana ci sarà il cambio da ora legale a solare: sarà davvero l'ultimo? Ecco le info e quelle sul risparmio energetico.

Il referendum europeo sul cambio di ora ha decretato l’abolizione di essa. Ogni Stato, però, potrà decidere in tutta autonomia se tenere l’ora legale o quella solare. Il prossimo cambio, comunque, ci sarà a breve: è previsto infatti per il fine settimana e potrebbe essere l’ultimo. Che farà l’Italia dato che la società Terna ha comunicato che ogni anno con il cambio d’ora vi è davvero un forte risparmio energetico?

La questione dell’abolizione del cambio di ora

L’addio al cambio di ora, nonostante il referendum, è ancora un’ipotesi dato che l’iter per eliminare il passaggio dall’ora legale a quella solare e viceversa è ancora in cantiere. Per ottenere il via libera a tale proposta ci vorrà il parere favorevole del Parlamento Europeo nonché quello dei Capi di Stato e di Governo dell’Unione.

Ricordiamo che l’ora legale nel nostro paese è entrata in vigore per la prima volta nel 1916 e poi nel 1966, periodo in cui il fabbisogno energetico aumentava di continuo. Nei paesi della fascia tropicale, invece, non c’è l’ora legale in quanto durante l’anno la variazione di ore di luce è minima mentre in quello australe è utilizzata così come da noi ma con un calendario invertito dato che le stagioni seguono un calendario diverso. L’ora legale, ad esempio, in Brasile, va da ottobre a marzo mentre quella solare da marzo ad ottobre.

Lo stop del cambio d’ora in Europa, comunque, potrebbe già esserci a marzo 2019 o a ottobre del prossimo anno. E’ vero che ogni Stato deciderà se tenere l’ora solare o quella legale ma dovrà farlo coordinandosi con i paesi confinanti.

Cambio ora legale e solare: data e info risparmio energetico

Questo fine settimana ovvero la notte tra il 27 ed il 28 ottobre 2018 alle ore 3 le lancette dei nostri orologi si dovranno spostare un’ora indietro. In questo modo si recupererà il sonno perso durante lo scorso cambio e il nuovo orario ci farà compagnia fino a marzo 2019.

In merito al risparmio energetico, la società Terna comunica che il cambio di ora dà davvero dei benefici. Dal 26 marzo 2016, infatti, il nostro paese ha risparmiato all’incirca 567 milioni di kilowattora, una cifra ottimale anche perché nell’atmosfera vi sono state minori emissioni di anidride carbonica pari a meno 320 mila tonnellate.

Parlando dell’anno 2017, la TYerna comunica che il risparmio energetico è stato di 100 milioni di euro, considerando che nel periodo di riferimento 1 kilowattora costava al cliente all’incirca 19,5 centesimi al lordo delle imposte.

Leggete anche: Classifica degli elettrodomestici che consumano di più e come fare per risparmiare.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Eventi, Risparmiare