Buoni fruttiferi postali ordinari di Poste Italiane: interessi, rimborso, termini di prescrizione

Ecco le principali caratteristiche, le info sugli interessi, il rimborso ed i termini di prescrizione dei buoni fruttiferi postali ordinari di Poste Italiane.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco le principali caratteristiche, le info sugli interessi, il rimborso ed i termini di prescrizione dei buoni fruttiferi postali ordinari di Poste Italiane.

I punti di forza dei buoni fruttiferi postali ordinari di Poste Italiane sono la garanzia dello Stato in quanto garantiti da quest’ultimo ed emessi dalla Cassa depositi e prestiti Spa ed il costo zero perché non richiedono alcuna spesa per la sottoscrizione, il rimborso o la gestione. Infine hanno una fiscalità agevolata. Ecco allora le info su quelli ordinari, gli interessi, la modalità ed il valore di rimborso nonché i termini di prescrizione.

Bfp ordinari di Poste Italiane: caratteristiche principali

I buoni fruttiferi postali ordinari sono quelli ideali per chi desidera investire il proprio denaro a lungo termine in quanto hanno durata massima di vent’anni. I tassi di rendimento per tali buoni, infatti, sono fissi e crescenti nel tempo e non si hanno spese di rimborso, gestione o sottoscrizione. Inoltre vi è anche una tassazione agevolata del  12,50%. Un’altra delle caratteristiche principali di tale forma di investimento è che il rimborso del capitale investito potrà avvenire in qualsiasi momento e si avrà diritto anche agli interessi maturati qualora il rimborso venga richiesto almeno dopo un anno dalla sottoscrizione del buono.

La sottoscrizione dei bfp ordinari potrà avvenire sia in forma cartacea che dematerializzata. In quest’ultimo caso si dovrà avere un conto di regolamento: sia esso un libretto di risparmio postale o un conto corrente postale. La sottoscrizione dovrà però essere a partire da 50 euro o multipli di tale cifra. Poste Italiane comunicano infine che i buoni saranno esenti dall’imposta di successione.

Interessi, modalità e valore rimborso, termini di prescrizione dei Bfp di Poste Italiane

Come vi abbiamo già comunicato, i buoni fruttiferi postali ordinari avranno un tasso di interesse che sarà crescente anno dopo anno. Ecco allora il rendimento effettivo annuo lordo alla fine di ciascun periodo di possesso:

  • dopo 1 anno, tasso dello 0,25%,
  • fine 2° anno, tasso dello 0,25%,
  • fine 5° anno, tasso dello 0,65%,
  • fine 10° anno, tasso dell’ 1,37%,
  • fine 15° anno, tasso del 2,14% e
  • fine 20° anno, tasso del 2,85%.

La modalità di rimborso sarà in un’unica soluzione qualora si sottoscrivano bfp cartacei mentre in un’unica soluzione o in forma parziale qualora si sottoscrivano quelli dematerializzati. In quest’ultimo caso gli importi dovranno essere pari a 50 euro o multipli di tale cifra. Ovviamente non vi sarà in nessun caso un costo aggiuntivo. Per quanto concerne il valore di rimborso, Poste Italiane informano i clienti che prima del compimento del primo anno, esso sarà pari al valore nominale sottoscritto al netto di eventuali oneri fiscali. Dopo il primo anno verranno erogati anche gli interessi. Infine i buoni ordinari dal giorno successivo alla scadenza e diverranno infruttiferi e dopo dieci anni andranno in prescrizione.

Leggete anche: Buoni fruttiferi postali di Poste Italiane 3×2: “un investimento interessante nel medio periodo”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Buoni Fruttiferi Postali