Buoni fruttiferi postali indicizzati: convengono ancora nel 2016?

Quanto conviene investire in Buoni Fruttiferi Postali indicizzati all'inflazione nel 2016?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Quanto conviene investire in Buoni Fruttiferi Postali indicizzati all'inflazione nel 2016?

I buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione italiani sono dedicati, si legge sul sito di Poste Italiane “a chi vuole proteggere i propri risparmi dall’incremento dei prezzi al consumo in Italia, preservando e valorizzando nel tempo il potere d’acquisto del capitale investito”.   Come funzionano questo tipo di BFP dopo l’emissione dell’ultima serie (J48) in vigore dal 20 marzo 2015?   L’investimento ha una durata decennale ma è possibile svincolare il denaro in qualsiasi momento. Possono essere sottoscritti in qualsiasi ufficio postale sia in forma cartacea che dematerializzata ma possono essere acquistati anche tramite il conto BancoPosta Click e il Libretto Postale Smart.   Il rendimento dei Buoni Fruttiferi Postali indicizzati è fisso crescente e assicurato ma è collegato anche ad un rendimento collegato all’indice Istat FOI.   Il rendimento garantito è

  • fino al quarto anno dello 0,10% l’anno,
  • dal quinto all’ottavo anno dello 0,25% annuo
  • per il nono e il decimo anno dello 0,50% annuo.

E’ bene ricordare però che il rendimento di questi buoni è legato all’inflazione e che quindi, per esempio, al decimo anno con un’inflazione superiore al 2,50% è possibile ottenere con uno 0,50% lordo garantito un netto di almeno 2,50%. In questo caso l’investimento potrebbe assumere dei valori interessanti, ma l’andamento degli interessi, come si comprende, è legato  all’andamento dell’inflazione poichè nel caso appena descritto il rendimento è pari, se non superiore, ad alcuni conti deposito.   Quello che va considerato, però, è che gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una bassa inflazione, che nel 2015 è stata pari a 0. A periodi di bassa inflazione, però, di solito ne seguono altri con crescita dell’inflazione più sostenuta di solito (crescita dell’inflazione e non economica, ci teniamo a sottolinearlo), quindi ci si potrebbe aspettare anche una crescita dei prezzi senza alcun aumento del PIL. Se la vostra idea è quella che l’inflazione possa tornare a crescere questo tipo di Buoni Fruttiferi Postali potrebbe essere un ottimo investimento, ma se si pensa al solo rendimento garantito forse è meglio orientare i propri risparmi altrove.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Investimento, Buoni Fruttiferi Postali