Btp, rendimenti ai massimi: come investire nei Titoli di Stato e nei buoni postali

I rendimenti dei Btp sono ai I rendimenti dei Btp sono ai massimi. Come investire allora nei Titoli di Stato e nei buoni fruttiferi postali. Cosa conviene?

di , pubblicato il
Non si potranno tenere accesi due elettrodomestici in contemporanea, ecco la bozza del piano taglia consumi.

I rendimenti dei Btp sono ai massimi e la conseguenza è il crollo dei prezzi di mercato. A seguito dei rincari delle materie prime per lo scoppio del conflitto in Ucraina, il mercato azionario è sotto pressione . In questi giorni infatti molti investitori hanno venduto a prezzi bassi alcuni titoli per non tenerli nel loro portafoglio. Le cedole infatti non sono più adatte alla nuova fase di mercato e poi molti titoli hanno prezzi sempre più bassi. Come investire quindi nei Titoli di Stato? L’alternativa potrebbero essere anche i buoni postali?

Investire nei Titoli di Stato, Btp ai massimi. I buoni postali potrebbero essere un’alternativa?

I titoli brevi sono quelli che risentono di meno del rialzo dei rendimenti. Questo perché la scadenza ravvicinata smorza il rischio tassi. Converrebbe adesso per essi, come spiega Ilcorriere, di portarli a scadenza come nel caso del Btp scadenza 15 aprile 2024. All’inizio dell’anno il suo valore di mercato era 100,08 mentre adesso di 98,52 per cui il calo in percentuale è di poco più alto dell’1,50%.

Un valore minimo rispetto ai decennali. Questi ultimi, invece hanno subito una diminuzione della quotazione del 10,70% dall’inizio dell’anno. Vendere e comprare a distanza di ore è molto rischioso. Si dovrebbe quindi tenerli e aspettare i prossimi due rialzi di riferimento Usa ovvero a maggio e a giugno. I rendimenti massimi, infatti, potrebbero arrivare ad una specie di capitalizzazione azionaria. Ovviamente stabilire ciò con certezza non è possibile.
Ma se invece si volesse investire denaro nei buoni fruttiferi postali? Sicuramente sarebbe un investimento sicuro in quanto la somma richiesta si potrà riavere quando si vuole. In più ci sarà la garanzia dello Stato per cui non si potrà mai perdere il capitale e dopo un determinato periodo si riceveranno anche gli interessi maturati in caso di richiesta di rimborso anticipato.
Rispetto ai BTP, però, rendono molto di meno. Quello che offre interessi maggiori è il 5×5 per investimenti fino a 25 anni. Il rendimento annuo lordo finale è dell’1,50%.
Leggi anche: BTp 2072, rendimento ai massimi storici che non puoi più ignorare
[email protected]

Argomenti: , ,