Bollette luce e gas: rincari sospesi dal Tar

Bollette luce e gas, il Tar della Lombardia, accoglie il ricorso del Codacons, e sospende gli aumenti di luglio in bolletta.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Bollette luce e gas, il Tar della Lombardia, accoglie il ricorso del Codacons, e sospende gli aumenti di luglio in bolletta.

Bollette luce e gas, il Tar della Lombardia, accoglie il ricorso del Codacons, presentato a seguito delle speculazioni dei grossisti sul mercato del dispacciamento. Il procedimento è stato rinviato nel merito alla camera di consiglio fissata per il prossimo 15 settembre
Il Tar della Lombardia in via cautelare ha sospeso gli aumenti delle bollette di luce e gas entrati in vigore dal primo luglio. Il presidente della Codacons, Carlo Rienzi, afferma “grazie al Codacons 30 milioni di italiani riceveranno la prossima bolletta della luce e del gas ribassata e senza aumenti, era assurdo infatti rincarare le tariffe per effetto di illeciti sui quali adesso dovrà pronunciarsi la magistratura2.
L’Authority dell’energia aveva annunciato che dal primo luglio, per la famiglia, la bolletta dell’elettricità avrebbe registrato un aumento del 4,3%, mentre per il gas l’aggiustamento sarebbe stato dell’1,9%.

Bollette luce e gas: previsti nuovi aumenti

Bollette luce e gas: la class action di Codacons

Il Codacons aveva lanciato un paio di settimane fa in Lombardia una class-action in favore degli utenti dell’energia residenti in regione. L’associazione Codacons aveva pubblicato sul proprio sito internet il modulo per aderire all’azione collettiva e ha poi rivolto un ricorso al Tar del Lazio volto a bloccare i rincari.

L’Autorità per l’energia, nel motivare gli aumenti tariffari, ha denunciato speculazioni da parte dei grossisti, parlando di “strategie anomale adottate da diversi operatori sul mercato all’ingrosso dell’energia elettrica che hanno portato ad un rilevante aggravio di costi per il sistema e ad una alterazione del normale meccanismo di formazione dei prezzi nei mercati”.

Il Codacons spiega che la stessa Autorità ha avviato un procedimento per punire le condotte poste in essere dai grossisti dell’energia elettrica e configurabili come abusi di mercato ai sensi del Regolamento (UE). Questo evidenzia che le tariffe di luce e gas sono aumentate per effetto di condotte illecite e non certo per il normale andamento del mercato. Questa circostanza è un illecito nel nostro paese ed è vietato, le Autorità dell’energia avrebbero dovuto sospendere immediatamente qualsiasi incremento per l’elettricità e per il gas.

Bollette energia: sanzionati i fornitori per pratiche commerciali scorrette

Bollette luce e gas: il Tar Lombardia sospende gli aumenti di luglio

I giudici hanno accolto il ricorso del Codacons, presentato a seguito delle speculazioni dei grossisti sul mercato del dispacciamento. Il procedimento è stato rinviato nel merito alla camera di consiglio fissata per il prossimo 15 settembre.

Per i giudici amministrativi, presieduti da Mario Mosconi, i rincari, se sono illegittimi, costituiscono: “un immanente danno grave ed irreparabile soprattutto per la vastissima platea che compone i singoli utenti finali ”, e se invece sono legittimi “potranno essere agevolmente recuperati nell’ambito degli ulteriori sistemi di fatturazione attraverso idonee ed eque modalità di prelievo”.

Ed è per questo motivo che il Tar accoglie il ricorso dell’associazione dei consumatori, sospende l’efficacia della deliberazione dell’Autorità del 28 giugno scorso e rimanda la trattazione in sede collegiale della detta istanza cautelare alla camera di consiglio del 15 settembre 2016.

Bollette energia e gas troppo care con il mercato libero: Codacons denuncia

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Per la casa, Tutela consumatori, Utenze domestiche

I commenti sono chiusi.