Bollette luce: come risparmiare in base alle fasce orarie – un vantaggio per portafogli e ambiente

Come risparmiare in bolletta non rinunciando a nulla: occorre conoscere le fasce orarie – ecco una guida semplice e immediata per salvare portafogli e ambiente.

di , pubblicato il
Come risparmiare in bolletta non rinunciando a nulla: occorre conoscere le fasce orarie – ecco una guida semplice e immediata per salvare portafogli e ambiente.

Quando mettere in azione la lavatrice? Si tratta di una domanda importante perché è uno degli elettrodomestici i cui consumi pesano maggiormente nella bolletta dell’energia elettrica. Ebbene, risparmiare è davvero semplice, basta conoscere le fasce orarie e cercare di attivare gli elettrodomestici più ‘dispendiosi’ in termini di energia e denaro negli orari migliori. In questo modo, avremo un duplice vantaggio: a sorridere saranno il nostro portafogli e l’ambiente.

Quale scegliere, tariffa monoraria o bioraria? Come risparmiare sulle bollette dell’energia elettrica

Innanzitutto, occorre effettuare una scelta tra la tariffa monoraria e la tariffa bioraria. Con il primo termine – monoraria – si intende che, a qualunque ora si attivino elettrodomestici, il costo è sempre il medesimo: si tratta della scelta più adatta per chi non ha tempo e voglia di stare dietro alle differenti fasce orarie e vuole sentirsi libero di azionare gli elettrodomestici in qualunque momento della giornata. La tariffa bioraria, invece, permette un notevole risparmio, ma soltanto se si seguono le prescrizioni delle fasce orarie, altrimenti il rischio è di pagare anche di più rispetto alla monoraria: il concetto è che il prezzo dell’elettricità è differenziato a partire dai momenti di utilizzo. Semplificando al massimo, risparmiare sulla bolletta è possibile, ma soltanto mediante un contratto che prevede una tariffa bioraria con il conseguente utilizzo degli elettrodomestici nelle fasce orarie in cui il costo è minore.

Quali sono le fasce orarie della tariffa bioraria? Come risparmiare sulla bolletta della luce

Come dice lo stesso nome, la tariffa bioraria prevede essenzialmente due fasce orarie con una differenziazione di costi dell’elettricità. Ecco, schematicamente, quali sono e come funzionano:

  • F1 – dalle ore 8:00 alle ore 19:00 nei giorni dal lunedì al venerdì (escluse le festività nazionali): in questo caso il prezzo dell’elettricità è più alto
  • F23 – dalle ore 19:00 alle ore 8:00 nei giorni dal lunedì al venerdì e per l’intera giornata di sabato, domenica e festività nazionali: si tratta della tariffa più conveniente

Il consiglio non può che essere quello di utilizzare gli elettrodomestici ad alto consumo energetico – lavatrici, lavastoviglie e scaldabagni – prevalentemente all’interno di queste fasce orarie.

Leggete anche: Il pianeta sta morendo: alcuni consigli utili su come risparmiare l’acqua, il bene più prezioso.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.