BCE lascia per ora i tassi fermi e riduce i requisiti Srep della Banca Popolare di Sondrio

Per il momento la BCE lascia i tassi fermi ma se dovessero aumentare cosa potrebbe succedere per mutui e consumi? Riduce poi i requisiti Srep della Banca Popolare di Sondrio.

di , pubblicato il
bce tassi

Nella giornata di ieri è arriva la notizia che la BCE lascerà i tassi fermi sulle operazioni di rifinanziamento principali, su quelle di rifinanziamento marginali e sui depositi presso la Banca Centrale. Apprendiamo poi che riduce anche i requisiti Srep della Banca Popolare di Sondrio.

Tassi fermi almeno ora: la decisione della BCE

Christine Lagarde, la presidente della BCE, si è mostrata preoccupata per l’andamento dell’inflazione. Proprio per questo comunica che la Banca Centrale Europea si sta muovendo con gradualità anche se la situazione è cambiata. Per quanto concerne i tassi ha spiegato che si valuteranno con attenzione i dati e si prenderà una decisione a marzo. In questo mondo la scelta della BCE si allinea con quella della FED che è la Banca Centrale Statunitense.
Se però a marzo i tassi dovessero salire, la principale conseguenza sarebbe l’aumento del costo del denaro preso in prestito. Tradotto significa che ci sarebbero forti ripercussioni sui finanziamenti, sul credito e sui mutui. Su questi ultimi infatti verrebbe calcolato un costo più alto del capitale preso a prestito. Si fa l’esempio del tasso al quale la BCE concede i prestiti alle Banche che operano nell’Unione Europea che è utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tassi variabili. Questa tipologia di mutuo, quindi, potrebbe diventare meno conveniente con la conseguenza che la domanda potrebbe scendere. Un’altra conseguenza riguarderebbe i consumi. Nel caso in cui i tassi siano più alti, infatti, il consumatore sceglierà di risparmiare con la conseguente riduzione di acquisto di beni e servizi. Ciò potrebbe quindi spingere le aziende a tagliare i costi ovvero a licenziare il personale. Potrebbe quindi aprirsi uno scenario pericoloso.

BCE taglia requisiti Srep Banca Popolare di Sondrio

Al termine del processo annuale di revisione e di valutazione prudenziale Srep condotto nel 2021, la BCE ha ridotto i requisiti Srep (patrimoniali nonché di gestione dei rischi) della Banca Popolare di Sondrio a partire dal 1° marzo 2022. Sulla base dei dati al 30 settembre 2022, la Banca infatti presenta ratios patrimoniali che si attestano ampiamente oltre le soglie indicate dalla BCE. In sintesi CET 1 Ratio (phased-in) 16,53%, fully phased 16,44% e richiesta Srep 2022 8,56%. Tier 1 Ratio (phased-in) 16,57%, fully phased 16,48% e richiesta Srep 2022 10,58% e infine Total Capital Ratio (phased-in) 18,33%, fully phased 18,24% e richiesta Srep 2022 13,27%. I coefficienti patrimoniali della Banca risultano quindi di molto superiori ai nuovi target.
Leggi anche: Il mercato ora vede un aumento dei tassi BCE entro l’anno
[email protected]

Argomenti: ,