Azioni a voto plurimo o maggiorato: facciamo chiarezza

Voto plurimo o maggiorato. Vediamo la differenza e perché queste novità sono a doppia lama.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Voto plurimo o maggiorato. Vediamo la differenza e perché queste novità sono a doppia lama.

Il recente “Decreto Competitività” ha apportato alcune modifiche di una certa rilevanza alle norme del Testo Unico della Finanza (T.U.F.) nella parte riguardante l’emissione delle azioni da parte delle società quotate e non. Alle seconde è stato consentito di emettere azioni a voto plurimo, infrangendo il criterio di “un’azione, un voto”, sul quale si fondava la nostra disciplina. In altre parole, lo statuto di una società non quotata sui mercati regolamentati può prevedere la possibilità di emettere azioni con più di un diritto di voto, che al massimo ne assegni tre. Per effetto di questa innovazione normativa, un socio con una quota di capitale azionario del 17%, ad esempio, potrebbe arrivare a detenere fino al 51% dei diritti di voto in assemblea, se si trova in possesso di azioni, ciascuna delle quali gli assegni 3 voti, mentre le azioni di tutti gli altri soci fossero ordinarie. Ora, capita anche oggi che azionisti con una percentuale esigua di capitale riescano a detenere il controllo dell’assemblea senza grossi problemi, per lo più nel mondo anglosassone, dove l’azionariato è “polverizzato”, ovvero poco concentrato. Tuttavia, quello che accade con la rivoluzione del Dl è che automaticamente uno o pochi soci potrebbero controllare stabilmente l’assemblea, anche qualora si presentasse il 100% del capitale, per il solo fatto di avere acquistato all’atto della loro emissione azioni con diritti di voto plurimo. La pratica è vietata, invece, per le società quotate, ma dalla finestra è stato fatto entrare un espediente simile, ovvero quello dell’emissione di azioni con diritto di voto maggiorato. Di che si tratta? Le società quotate possono prevedere nei loro statuti di premiare i soci, che abbiano acquistato e detenuto azioni senza interruzione per un periodo di almeno 24 mesi con la concessione nei loro confronti di un diritto di voto al massimo dopo.         Facciamo un esempio: Tizio acquista 1.000 azioni della società Alfa e le detiene per almeno 24 mesi. Poiché lo statuto gli consente di avvalersi del voto doppio in assemblea, come premio “fedeltà” per avere dimostrato interesse a una partecipazione di medio-lungo termine, in assemblea i suoi voti conteranno per 2.000 (1.000 x 2). Il suo peso, quindi, potrebbe aumentare, se almeno parte dei soci non può vantare lo stesso diritto, continuano ad avere un voto per azione. Anche in quest’ultimo caso valgono le perplessità relative al voto plurimo. Per contro va detto che tale possibilità consente alle imprese di premiare l’azionariato stabile, quello più interessato alla gestione e meno alla speculazione. Il rischio è sempre lo stesso, ovvero che pochi soci controllino le decisioni in assemblea, di fatto rendendo la società ingessata e non contendibile.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Investimento, News Risparmio, Risparmio, Investimenti

I commenti sono chiusi.