Aumenti Wind-Tre 2018: costi di incasso a più di 60 centesimi e gli utenti si ribellano

Costi di incasso a più di 60 centesimi e gli utenti si ribellano: ecco gli aumenti 2018 di Wind-Tre Italia.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Costi di incasso a più di 60 centesimi e gli utenti si ribellano: ecco gli aumenti 2018 di Wind-Tre Italia.

Wind-Tre ha deciso di applicare di aumentare i costi aggiuntivi ovvero quelli di incasso sulle fatture. Ricordiamo che dallo scorso mese di giugno 2017, l’azienda sia per la rete mobile che per quella fissa, ha inserito nelle fatture dei contratti di abbonamento dei costi di incasso. Tale cifra è la spesa che l’operatore sostiene per la gestione amministrativa e contabile della fattura. La novità è che essa è stata applicata al cliente.

Costi di incasso Wind-Tre

Wind e Tre Italia hanno diramato le note informative dedicate ai clienti abbonati a seguito della fatturazione mensile dove però non vengono evidenziati i costi di incasso. L’utente, però, si ritrova comunque a pagarli in fattura. Ad esempio l’offerta Family Edition avrà un costo di 24,90 euro al mese per i clienti con un’offerta All Inclusive, Call Your Country Super e Wind Magnum. Tutto tace, però, sui costi di incasso di 60 centesimi più l’aliquota Iva del 22% per cui il costo di incasso totale sarà di 0,732 euro per ogni fattura emessa. Quindi si pagheranno circa 37 centesimi al mese.

Tale costo sarà per chi decide di pagare con il bollettino postale o in automatico con il conto corrente. Se verrà richiesta la fattura cartacea, poi, vi sarà un ulteriore costo da sostenere ovvero di 1,27 euro con Iva inclusa per ogni fattura spedita. Qualora si voglia anche il dettaglio delle chiamate si dovrà aggiungere un altro costo di 60 centesimi. Gli utenti ovviamente non sono per nulla felici di ciò. E non finisce qui.

Aumenti Wind-Tre da aprile 2018

Con la Legge n.172 del 4 dicembre 2017 Wind-Tre informa che il costo delle offerte e delle relative opzioni sarà addebitato su base mensile. Ciò significa che la fatturazione sarà bimestrale. Dal 5 aprile 2018 sia il contenuto delle offerte che il costo avverrà su base mensile per cui vi sarà una riduzione dei canoni da 13 all’anno a 12. Il costo annuo resterà quindi uguale ma mensilmente il canone dell’offerta aumenterà dell’8,6%. Inoltre, la Wind-Tre ha comunicato che la prossima fattura, per esigenze tecniche, potrebbe avere una durata inferiore e l’importo calcolato in base al numero di giorni fatturati. Ciò comporterà l’emissione di una nuova fattura con ovviamente nuovi costi di incasso.

Leggete anche: Rivoluzione Tim il giorno x è arrivato: da oggi 5 marzo 2018 tutte le offerte mobile diventano mensili.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Telefonia&Internet, Offerte Tre, Offerte Wind