Attenzione: se il credito con Vodafone sarà in negativo si potrà continuare a parlare e navigare a 0,99 euro

Modifica condizioni contrattuali con Vodafone: si pagheranno 0,99 centesimi se il credito terminerà e si continuerà a chiamare e navigare, le modalità.

di , pubblicato il
Modifica condizioni contrattuali con Vodafone: si pagheranno 0,99 centesimi se il credito terminerà e si continuerà a chiamare e navigare, le modalità.

Vodafone modificherà alcune condizioni contrattuali a partire dal 15 aprile 2019. I clienti dell’operatore dal logo rosso, infatti, nelle ultime ore stanno ricevendo un messaggio nel quale viene spiegato che, qualora ci fosse credito negativo, si potrà continuare a parlare nonché a navigare in internet in 4G pagando però 0,99 centesimi per 48 ore. Ecco i dettagli più precisi.

Ecco cosa succede in caso di esaurimento credito con Vodafone

L’operatore dal logo rosso in queste ore sta inviando ai suoi clienti il seguente messaggio “Modifica contrattuale: dal 15 Aprile 2019 se il tuo credito si esaurisce il servizio non verrà più bloccato, assicurandoti così continuità di servizio.

Potrai utilizzare la tua SIM e parlare e navigare senza limiti per 48 ore, al costo di 0,99 euro. Se invece hai attivato l’addebito della tua offerta su carta di credito o conto corrente non e’ previsto alcun costo. Entro il 14 Aprile 2019 puoi passare ad altro operatore o recedere dai servizi Vodafone senza penali su variazioni.vodafone.it, con raccomandata A/R, via PEC, nei negozi Vodafone o chiamando il 42590, con causale “modifica condizioni contrattuali”. Per info chiama il 42590 o vai su voda.it/info”.

Cosa significa?

Tutti i clienti ricaricabili in caso di esaurimento del proprio credito residuo potranno continuare a parlare nonché a navigare in internet in 4G senza limiti in Italia per 48 ore pagando 0,99 centesimi che saranno addebitati non appena si farà la prima ricarica utile. Ovviamente tale modifica contrattuale sarà solo per coloro che hanno attivo l’addebito dell’offerta su credito residuo. Chi, invece, avrà l’addebito sul conto corrente o carta di credito non pagherà invece nulla. Qualora nell’arco delle 48 ore, poi, non verrà effettuata alcuna ricarica, la sim resterà comunque attiva per ricevere telefonate, fare chiamate d’emergenza e ricevere messaggi.

Per recedere dal contratto: cosa fare

La modifica contrattuale per la quale quando si resterà senza credito si potrà continuare  a parlare e navigare per 48 ore a 0,99 centesimi con Vodafone, prevede anche il recesso dal contratto nonché il passaggio ad altro operatore senza costi aggiuntivi fino al giorno prima della variazione e quindi dal 14 aprile.

Si dovrà, però, specificare nella causale del recesso “modifica delle condizioni contrattuali”. Vodafone comunica inoltre che i clienti che hanno un’offerta che include tablet, mobile wi-fi e tablet o che prevede un contributo di attivazione a rate potranno continuare a pagare, a seconda dell’offerta, le rate residue con la stessa cadenza e nello stesso modo. Il diritto di recesso, comunque, potrà essere eseguito gratis mantenendo anche un’offerta che include un device inviando:

  • una raccomandata A/R a ” Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10.0.15 Ivrea, Torino”,
  • inviando una PEC all’indirizzo [email protected],
  • chiamando il servizio clienti Vodafone al 190,
  • recandosi in negozio o infine
  • sul sito web su variazioni.vodafone.it.

Leggete anche: Vodafone invita a fare attenzione alla false chiamate e comunicazioni.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,