Aste immobiliari: calo nel primo semestre 2021 e previsioni per l’anno in corso in Italia

Si registra un calo delle aste immobiliari nel primo semestre 2021. Ecco le informazioni in merito e le previsioni in Italia per l'anno in corso.

di , pubblicato il
aste immobiliari

I dati del primo semestre 2021 registrano un calo delle aste immobiliari del -28,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. Sono quindi 37.874 in meno. Anche il valore economico ovvero l’offerta minima per partecipare all’asta è sceso: si passa infatti da 16,3 miliardi del 2019 a 12 di quest’anno. Questo è quanto emerge dai dati diramati durante l’evento “Auction & Distressed RE” al quale hanno partecipato molti player del mondo dei Non Performing Loans ovvero dei Npl. Ecco maggiori dettagli in merito.

Calo aste immobiliari primo semestre 2021

Nei primi sei mesi del 2021 le aste immobiliari sono state in tutta la penisola 93 mila contro le 48.333 dei primi mesi del 2020. Il dato quindi lascia ben sperare ma se si raffronta al 2019 si nota ancora una grossa differenza in quanto in quel periodo se ne registrarono invece 131 mila. Come detto, oltre il calo delle aste, si registra anche quello dell’offerta minima: dai 16,3 miliardi del 2019 ai 12 del 2021. Questo significa che c’è stato anche un crollo del valore degli immobili. Tali dati emergono dall’analisi dei data scientist di Reviva. Quest’ultima è la prima startup specializzata nella vivacizzazione delle aste immobiliari con lo scopo di aumentare il numero delle case vendute in tal modo onde evitare la svalutazione per aste deserte.

Aste immobiliari: quale sarà il futuro in Italia

Giulio Licenza, Co-founder di Reviva è certo che il futuro delle aste immobiliari sarà migliore. Da settembre per Licenza ci sarà infatti un incremento dovuto alla sospensione di quelle aventi come oggetto la prima casa del debitore (in vigore da più di 1 anno). Ora, comunica Licenza, la sfida sarà quella di sostenere sia i prezzi che le vendite in vista di un’offerta più elevata.


I dati delle prime aste immobiliari 2021
Il 10 giugno c’è stato l’evento “Auction & Distressed RE” al quale ha partecipato anche Reviva. La voce comune emersa dal webinar è sbloccare le aste in quanto solo così si potrà sbloccare l’economia del paese. In Italia ci sono infatti 385 miliardi di crediti deteriorati lordi e dietro ad ogni singolo credito si presuppone ci siano debitori, creditori, etc. Se tali persone potranno recuperare denaro, avranno la possibilità di erogare nuovi finanziamenti per sbloccare così l’economia del paese.

Mercato aste immobiliari: ecco perché è diverso dal pre-covid

Il mercato delle aste immobiliari rispetto al periodo pre-covid è cambiato per l’impossibilità di visionare gli immobili. Si sono cercate, quindi, delle soluzioni nuove ed efficienti come le visite online e la digitalizzazione delle pratiche. Per Mirja Cartia d’Asero, Head of RE di Guber Banca, però, bisognerebbe investire maggiormente sulla descrizione dell’immobile. Inoltre si dovrebbe colmare il gap che esiste fra le vendite giudiziarie e quelle del mercato libero. L’attenzione ci dovrebbe essere sul bene in vendita quanto è in promozione e quindi la parte giudiziaria durante l’asta competitiva si dovrebbe mettere da parte.
Dai dati di Reviva emerge infine che nel 2020 sono diminuite le modalità di vendita fisica presso il venditore del 37,6% in favore delle vendite telematiche. Ci sono però ancora problemi in merito a tale modalità. Il privato, infatti, per accedere ha bisogno della firma digitale, della pec e poi deve sostenere un inter molto complesso.
[email protected]

Argomenti: ,