Acquisti online: diritto di recesso per acquisti sbagliati

Se effettuate acquisti online e non siete contenti del prodotto ricevuto, potete appellarvi al diritto di recesso: ecco come fare.

di , pubblicato il
Se effettuate acquisti online e non siete contenti del prodotto ricevuto, potete appellarvi al diritto di recesso: ecco come fare.

Sempre più consumatori acquistano online, ma tanti sono i pericoli e le delusioni per articoli sbagliati o non conformi alle aspettative. In Italia l’e-commerce è una realtà in forte crescita, ma non sempre si effettuano acquisti da siti sicuri e affidabili. Se ci si trova nella situazione di voler restituire un bene acquistato, si può farlo appellandosi al diritto di recesso.

Che cos’è il diritto di recesso e come si esercita

Il Codice del Consumo ha riconosciuto al consumatore, per i contratti conclusi a distanza e fuori dai locali commerciali, il diritto di recedere unilateralmente dal contratto stipulato per l’acquisto di beni e servizi. Il diritto di recesso, può esercitarlo solo da chi acquista “a distanza” o “fuori dei locali commerciali”, come avviene con il commercio online. Uno dei vantaggi dell’e-commerce rispetto ai negozi tradizionali è che potete ripensarci senza dover tenere per forza la merce acquistata. Per contratti di vendita di beni materiali il recesso va esercitato entro 14 giorni dalla consegna della merce. Nel caso di contratti di servizi, i 14 giorni decorrono invece dalla conclusione del contratto. Non esiste la giusta causa nel diritto di recesso e quindi non siete tenuti a fornire motivazioni di reso al fornitore. Inoltre il fornitore deve comunicarvi la possibilità di appellarvi al diritto di recesso al momento dell’acquisto, se non l’ha fatto il periodo di recesso, è di un anno e 14 giorni, ma se in quest’anno di tempo il venditore vi comunica la possibilità di recedere dall’acquisto, per usufruire del diritto di recesso avete 14 giorni dalla comunicazione. Se vi siete appellati al diritto di recesso, dovete restituire il prodotto acquistato entro 14 giorni dalla vostra richiesta, il fornitore entro lo stesso termine, dovrà rimborsarvi il pagamento effettuato per il prodotto acquistato. Le spese di spedizione per reso sono a carico dell’acquirente, salvo diversi accordi fra acquirente e venditore. E’ importante pensarci bene prima di effettuare un acquisto online, perché è vero che potete effettuare il diritto di recesso, ma è pur vero che la spedizione per il reso del prodotto è a carico vostro e questo vi comporta una perdita di denaro.

Acquisti esclusi dal diritto di recesso

Non tutti gli acquisti online possono usufruire del diritto di recesso, ci sono alcuni acquisti per i quali non esiste il diritto di recesso, ad esempio:

  • di strumenti finanziari;
  • tramite distributori automatici;
  • tramite telefono pubblico;
  • per la costruzione e acquisto di beni immobili (per i contratti di locazione a distanza esiste invece il diritto di recesso);
  • per la fornitura di prodotti alimentari o di uso domestico corrente consegnati con scadenza regolare;
  • di servizi relativi all’alloggio, ai trasporti, alla ristorazione, al tempo libero, quando e’ prevista una data o un periodo determinato per la fornitura;
  • di servizi la cui esecuzione sia iniziata prima di 10 giorni lavorativi;
  • di beni e servizi il cui prezzo e’ legato al tasso di interesse e non può essere controllato dal venditore;
  • di beni confezionati su misura o personalizzati;
  • di prodotti audiovisivi o software sigillati aperti dal consumatore;
  • di giornali, riviste e periodici;
  • di servizi di scommesse e lotterie.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,