Acquisti online convenienti con la Brexit? Ecco perché e come

Con la Brexit è tempo di affari per gli acquisti online. Puoi risparmiare almeno il 10%, ecco perché e a cosa devi fare attenzione.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Con la Brexit è tempo di affari per gli acquisti online. Puoi risparmiare almeno il 10%, ecco perché e a cosa devi fare attenzione.

La Brexit è stato un forte shock per i mercati finanziari di tutto il pianeta, soprattutto, per quelli europei. La sterlina è crollata del 10% contro l’euro dalle ore successive al referendum del 23 giugno scorso nel Regno Unito e continua ad arretrare anche di più nei confronti del dollaro, contro cui è scesa a un cambio minimo dal 1985.

Se le tensioni finanziarie certamente non fanno bene all’economia, non è detto che non possano essere sfruttate a nostro vantaggio. Non stiamo parlando di investire in borsa, di speculare, ma semplicemente di fare acquisti online. Ebbene, se comprassimo da negozi su internet con sede nel Regno Unito, è evidente che i prezzi in euro risulteranno scesi di quel 10% sopra indicato, corrispondente alla maggiore forza della moneta unica contro la sterlina.

Prima di effettuare l’acquisto, però, dovete sempre stare attenti che il cambio sia stato aggiornato a quello a noi più favorevole di questi ultimi giorni. Non vorremmo che qualche rivenditore “furbo” non abbia ancora fatto in tempo ad effettuare tale aggiornamento.

Crisi sterlina potrebbe accentuarsi

Quindi, se entrate in un negozio online britannico, verificate il prezzo in sterline e successivamente il tasso di cambio applicato. Confrontatelo con quello vigente quanto meno il giorno prima e se notate che esso risale a diversi giorni addietro, quando era a noi più sfavorevole, pazientate qualche altro giorno, il tempo che l’aggiornamento venga eseguito. Al più tardi, infatti, si ha ogni settimana.

Pagare il 10% in meno sull’acquisto di merce su internet è già in sé un buon affare e non è detto che nelle prossime settimane possa diventarlo ancora di più, se le tensioni finanziarie dovessero proseguire e accentuarsi, trascinando la sterlina ancora più nel baratro. Per chi si accontenta già di questo “sconto”, però, è bene che ne approfitti.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News Risparmio, Risparmio, Tutela consumatori, Acquisti online, Risparmiare