Abolizione Roaming dal 15 ottobre 2017: ecco le regole generali

Ecco le regole generali inerenti all'abolizione del Roaming dal 15 ottobre 2017.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco le regole generali inerenti all'abolizione del Roaming dal 15 ottobre 2017.

La Commissione Europea ha comunicato che, a partire dal 15 giugno 2017, saranno abolite le tariffe roaming per l’uso dei cellulari. La stessa ha anche informato che, per salvaguardare gli operatori telefonici, varrà il principio di residenza o di collegamento stabile dei consumatori europei in altri stati membri. Vi sarà anche l’addio ai limiti di tempo in quanto la proposta fatta in precedenza contemplava l’abolizione del roaming per un massimo di novanta giorni all’anno e per non più di trenta giorni consecutivi. Ecco allora tutte le info a riguardo.

Abolizione roaming dal 2017: le regole generali

Dal 15 giugno 2017 non vi sarà più il roaming ovvero il supplemento pagato per poter utilizzare il proprio cellulare all’estero. La nuova proposta chiamata dalla Commissione Europea “Roam like at home”, infatti, prevede che il roaming sia gratuito per tutti senza limiti di tempo, di volume di voce e dati. Per tutelare gli operatori telefonici, quindi, la Commissione Europea ha specificato che il roaming sarà soltanto per i viaggiatori che si recheranno periodicamente in Ue o per gli studenti Erasmus.  Per evitare che avvengono degli abusi, quindi, gli operatori potranno imporre una sovrattassa. La Commissione Europea parla di 0,04 centesimi di euro al minuto, 0,01 centesimi per ogni messaggio inviato ed infine 0,0085 centesimi per ogni MB. Per poterlo fare, però, ci vorrà l’autorizzazione dell’Authority.

Roaming Abolito dal 2017: punti principali

I punti principali dell’accordo Ue (che sarà nel corso dei mesi perfezionato), grazie al quale il roaming sarà abolito dal 15 ottobre 2017,saranno i seguenti:

non ci saranno limiti di tempo e volume per coloro che useranno lo smartphone in uno dei paesi Ue,

gli operatori telefonici potranno fare dei controlli per prevenire gli abusi in quanto il roaming sarà abolito soltanto per coloro che viaggeranno in UE spesso per lavoro e per gli studenti Erasmus. Costoro, quindi, potranno utilizzare le stesse condizioni che usano nel loro paese di residenza per chiamare, messaggiare e  navigare in internet,

infine gli operatori telefonici  potranno applicare dei rincari che andranno dai 0,04 centesimi per le chiamate a 0,0085 centesimi per la connessione dati.

Vi comunichiamo però che tale accordo potrebbe essere ulteriormente perfezionato in quanto Jean Claude Juncker, che è il presidente della Commissione Europea, desidera trovare un accordo che sia soddisfacente sia per gli utenti che per gli operatori telefonici. Leggi anche le info sul 414 di Vodafone a pagamento e la decisione dell’Antitrust su Wind All Inclusive Maxi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Eventi, Risparmiare