5 giugno giornata mondiale dell’ambiente: ma come proteggerlo riciclando e risparmiando?

Il 5 giugno 2018 sarà giornata mondiale dell'ambiente: ma come proteggerlo riciclando e risparmiando? Ecco le info e le dritte.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Il 5 giugno 2018 sarà giornata mondiale dell'ambiente: ma come proteggerlo riciclando e risparmiando? Ecco le info e le dritte.

Oggi 5 giugno 2018, come ogni anno dal 1972, si celebrerà la giornata mondiale dell’ambiente. Per chi non lo sapesse, questo è un appuntamento promosso dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che coinvolge più di cento paesi in difesa dell’ambiente. Ma come proteggere riciclando e risparmiando (nel nostro piccolo) l’ecosistema?

Giornata Mondiale dell’ambiente

Il tema scelto dall’Onu per l’edizione del 2018 della giornata mondiale dell’ambiente è la lotta alla plastica monouso. Il paese simbolo di quest’anno è invece l’India. L’obiettivo che si prefigge questa edizione è quello di sensibilizzare i cittadini ed i governi a cercare delle alternative all’uso eccessivo della plastica in quanto essa porta a conseguenze devastanti per l’ambiente. Si stima che, a livello globale, si utilizzano cinquecento milioni di buste di plastica e che tredici milioni di tonnellate (sempre di plastica) finiscono negli oceani provocando un fortissimo inquinamento e la morte di tantissimi animali.

Il consumo di sacchetti di plastica non biodegradabili è in costante diminuzione ma non si può dire lo stesso delle bottiglie di plastica. Ogni giorno, infatti, in tutto il mondo ne vengono vendute tantissime e la maggior parte di esse non viene riciclata in quanto tale processo è difficile da attuare ed inoltre ci vogliono cento anni affinché la plastica si degradi nell’ambiente.

Come proteggere l’ambiente?

Sicuramente il primo modo per preservare l’ambiente è quello di attuare la raccolta differenziata. Prima di gettare via i materiali della nostra giornata è utilissimo separarli ponendo la carta con la carta, la plastica con la plastica, il vetro con il vetro e così via. In questo modo da un prodotto usato si potrà ottenere un nuovo prodotto di pari qualità e valore risparmiando denaro e preservando l’ambiente. La maggior parte dei prodotti che utilizziamo quotidianamente possono essere riciclati e quindi con la differenziata, invece di finire in discarica torneranno nelle fabbriche per essere trasformarli in nuovi oggetti generando così un circolo virtuoso.

Si potrà proteggere l’ambiente anche ponendo attenzione all’alimentazione. Scegliendo prodotti a chilometri zero, ad esempio, non solo si salvaguarderanno i produttori locali ma si abbatterà l’inquinamento e gli sprechi. Acquistando tali prodotti, come abbiamo detto si abbatterà l’inquinamento in quanto le emissioni ed i carburanti saranno ridotti grazie ai piccoli spostamenti. Inoltre si potranno utilizzare anche meno imballaggi e celle frigorifere in quanto non ci sarà il pericolo che i cibi si possano deteriorare. Vi sarà infine un abbattimento dei costi di spedizione e di carburante che consentirà di spendere meno. Infine, essendo prodotti nostrani, saranno ultra sicuri. In alcuni paesi esteri, infatti, non vi sono adeguati controlli di qualità.

Leggete anche: Risparmiare sulla bolletta energetica si può? Ecco come con le piante.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Eventi, Risparmiare

I commenti sono chiusi.