4 regole per risparmiare in viaggio, l’estate 2018 si avvicina

Ecco 4 regole principali per risparmiare in viaggio, l'estate 2018 si avvicina.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco 4 regole principali per risparmiare in viaggio, l'estate 2018 si avvicina.

L‘estate 2018 davvero si avvicina. Le belle giornate sono infatti arrivate e a breve arriverà anche il tanto agognato caldo (almeno per alcuni). Il mese di agosto sarà quello in cui vi saranno più partenze ma anche quello in cui i prezzi saranno più alti in quanto “Alta stagione”. Ecco allora 4 regole per risparmiare qualche soldino in viaggio.

La regola numero 1 per risparmiare in viaggio

Sicuramente la prima regola per poter risparmiare denaro in viaggio è quella di comprare soltanto il necessario. Dovrà essere nostra premura evitare di acquistare oggetti che non servono. Qualora vi fossero delle offerte particolari o ci si trovasse nel periodo di saldi si potrà si comperare qualcosa ma ragionandoci bene. Per quanto concerne i regali per amici e parenti, il consiglio è quello di cercarli nei mercatini locali in quanto non solo potrete trovare degli oggetti tipici e originali ma pagarli un poco meno o contrattare sul prezzo.

Regola numero 2 per risparmiare in viaggio: attenzione al bagaglio del ritorno

La seconda regola da tenere a mente è quella riguardante il bagaglio. In molti in viaggio, infatti, diventano maniaci dello shopping ed acquistano oggetti anche inutili e pesanti. Il problema è che con l’aereo vi è un limite di peso (per quello da stiva ovviamente) che solitamente varia dai 15 ai 25 chili a seconda della compagnia prescelta. Oltre tale peso si paga una franchigia che ad esempio con Alitalia è di 60 euro per i voli nazionali, di 60 euro per quelli in Europa e Nord Africa, di 75 euro per i voli in Medio Oriente e di 100 euro per il resto del mondo. Il bagaglio con Alitalia potrà essere massimo di 32 chili e qualora si superi tale cifra scatterà il costo di eccedenza per il secondo pezzo.

La terza regola per risparmiare: il cibo

Per risparmiare in vacanza un’altra idea da seguire è quella di assaggiare le prelibatezze locali e visitare i mercati del luogo. In molte città, infatti, lo street food è un’opzione non soltanto molto gustosa che vi farà assaggiare il cibo locale ma anche molto più economica e veloce del ristorante.

Se proprio vorrete accomodarvi in quanto un hot dog o un pasto frugale non vi bastano, consigliamo di optare per un menù turistico. Solitamente al massimo per 15 euro a persona si ha un antipasto, un primo, un secondo ed un contorno. Controllate bene che le bevande siano incluse così come il coperto in quanto questi due servizi potrebbero far lievitare il costo finale. In Italia il menù turistico sembra poca cosa ma all’estero come a Parigi o a Londra (che sono città abbastanza care), è molto utile.

L’ultima regola: risparmiare sull’alloggio

L’ultima regola per risparmiare in viaggio è quella di scegliere prima l’alloggio. Sicuramente il campeggio è la soluzione più economica e quella in cui si potrà stare più a contatto con la natura. E non solo, esso si potrà prenotare anche all’ultimo momento previa disponibilità di posto.

L’altra soluzione per risparmiare è quella di prenotare con largo anticipo un appartamento (magari con amici) nel quale ci dovrà però essere una cucina per ammortizzare i costi di esso che sicuramente sarà più caro di una stanza in un hotel. Qualora si viaggi con l’auto, invece, il consiglio è quello di soggiornare in periferia e non città. Si avrà infatti la possibilità di trovare parcheggio in loco senza spendere costi elevati ed inoltre il costo di una stanza sarà sicuramente inferiore a quello del centro città.

Leggete anche: Viaggi: ecco le 6 destinazioni più economiche al mondo del 2018.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Viaggi, Viaggi