Vodafone lancia bond convertibili per 4 miliardi

La compagnia telefonica britannica sta raccogliendo fondi attraverso l’emissione di obbligazioni a conversione obbligatoria

di , pubblicato il
La compagnia telefonica britannica sta raccogliendo fondi attraverso l’emissione di obbligazioni a conversione obbligatoria

Vodafone Group ha in programma di raccogliere 2,9 miliardi di sterline (oltre 4 miliardi di Usd) tramite l’emissione di un bond convertendo, ossia di un prestito obbligazionario a conversione obbligatoria. Il bond, i cui proventi sono destinati a coprire esigenze aziendali generiche, sarà emesso in due tranche, una con durata di 18 mesi e cedola annuale tra l’1,2% e il 1,5% e l’altra con scadenza tra tre anni con cedola tra l’1,7% e il 2%. Il prestito sarà convertibile in circa il 5% dell’attuale capitale ordinario e per ridurre l’effetto di diluizione Vodafone ha in programma di procedere con il riacquisto di azioni proprie (buy back). Inoltre per ridurre l’impatto sull’andamento del titolo la società di telecomunicazioni ha siglato con Jp Morgan Securities e Morgan Stanley & Co. International contratti di opzione put e call. Secondo fonti Bloomberg, parte dei fondi raccolti saranno destinati per pagare 2,1 miliardi di tasse non corrisposte al governo indiano per una disputa risalente al 2007.

Argomenti: , , ,