Vestas Wind col vento in poppa, bond in rialzo

Le obbligazioni Vestas Wind System sono tornate sopra la pari dopo il miglioramento dei conti nel settore eolico

di , pubblicato il
Le obbligazioni Vestas Wind System sono tornate sopra la pari dopo il miglioramento dei conti nel settore eolico

Bond Vestas Wind in rialzo in borsa. Le obbligazioni dell’azienda danese che progetta, fabbrica e commercializza turbine eoliche, nell’ultimo anno si sono apprezzate del 10% a seguito del miglioramento dei risultati economici.

Le obbligazioni Vestas Wind Systems 2,75% 2022 (codice ISIN XS1197336263 ) sono quotate dal 2015 alla borsa del Lussemburgo dove essere state collocate presso investitori istituzionali al prezzo di 99,22. I bond, dopo essere scesi sotto il prezzo di collocamento a seguito della crisi che ha travolto il settore delle energie rinnovabili, sono tornati abbondantemente sopra la pari e oggi scambiano intorno a 106 per un rendimento del 1,70% a scadenza grazie al miglioramento dei conti e alle previsioni di crescita nel settore eolico.

Conti in miglioramento per Vesta Wind System

Vestas Wind Systems ha alzato la guidance per l’intero esercizio fiscale in scia alla robusta crescita riportata nel terzo trimestre, oltre ad un outlook positivo per le consegne di pale eoliche per la restante parte dell’anno. In particolare, l’utile netto è cresciuto a 309 milioni di euro (341,8 milioni di usd) nel trimestre al 30 settembre, contro i 206 milioni dell’anno precedente. Gli analisti interpellati da FactSet avevano previsto un utile di 237 milioni. I ricavi sono cresciuti del 37% a 2,9 miliardi di euro. La societa’ ha alzato la guidance sui ricavi dell’intero esercizio tra i 10 miliardi e i 10,5 miliardi di euro, prevedendo anche una spese approssimativa di 600 milioni in termini di investimenti. L’Ebitda dovrebbe attestarsi tra il 13% e il 14%, mentre il flusso di cassa è previsto a 1 miliardo di euro. Gli ordini nel periodo si sono attestati a 17,1 miliardi di euro, contro i 16,4 miliardi dell’anno precedente.

Argomenti: