Bond Veneto Banca rendono più del 10%. Assemblea vara aumento di capitale da 1 miliardo

Il rendimento dei bond subordinati Veneto Banca supera il 10% alla vigilia dell'assemblea. Per le obbligazioni senior è il 5%

di , pubblicato il

veneto bancaVeneto Banca come Popolare Vicenza? Forse no. Anche perché l’aumento di capitale da 1 miliardo di euro che l’assemblea dei soci si appresta ad approvare è garantito da Banca IMI (Intesa Sanpaolo) e altre banche internazionali. Il fondo Atlante, visto come ultima ancora di salvataggio, quindi, sarebbe escluso da un intervento diretto.

Questo, tuttavia, non cambia la sostanza, poiché i soldi arriveranno comunque dal sistema bancario, visto che i soci ne sganceranno ben pochi, come accaduto per la Popolare di Vicenza. E, anche in questo caso, la quotazione delle azioni in borsa potrebbe non arrivare per la gioia di migliaia di piccoli azionisti che si vedranno il loro investimento quasi azzerato. Nel frattempo, Veneto Banca ha ricevuto una notifica dalla Commissione di sorveglianza relativa alla chiusura dell’attività ispettiva in corso. La Consob – come noto – aveva avviato nel corso del 2015 più ispezioni con profili diversi che vanno dalla cessione di una quota di Banca Intermobiliare, al processo di definizione della proposta di aggiornamento del valore delle azioni proprie fino al processo decisionale che ha portato alla vendita a JpMorgan di un portafoglio di prestiti ipotecari. Veneto Banca non esclude che le valutazioni cui potrebbe giungere la Consob possano avere impatto anche economico sui bilanci dei prossimi esercizi.  

Veneto Banca rinnova i vertici in assemblea

  Nel frattempo si infiamma lo scontro tra le due anime dei soci Veneto Banca, con la Bce come convitato di pietra, alla vigilia dell’assemblea dei soci chiamata oggi a rinnovare il consiglio di amministrazione. Due i fronti che si fronteggiano: quello rappresentato dal cda uscente, che propone la conferma alla presidenza dell’imprenditore Pier Luigi Bolla, con Cristiano Carrus ad, e quello riunito attorno alle associazioni Per Veneto Banca e Azionisti di Veneto Banca che hanno promosso una lista alternativa capitanata dall’avvocato Stefano Ambrosini. Ieri -osserva MF – dopo che Bolla ha definito i candidati della lista concorrente “vicini all’ex amministratore delegato Vincenzo Consoli”, facendo intendere che la Bce non gradirebbe un nuovo consiglio con quella composizione, Ambrosini è intervenuto minacciando azioni legali contro il presidente uscente.

 

Bond Veneto Banca subordinati rendono oltre 10%

  Sul fronte obbligazionario, i bond subordinati, vera e propria cartina tornasole dello stato di salute di Veneto Banca, sono tornati a crescere dopo un avvio di 2016 da dimenticare. L’obbligazione high yield da 200 milioni con cedola 9,50% e scadenza 2025 (codice ISIN XS1327514045) è tornata a 90 mettendo a segno un progresso del 50% in soli tre mesi, ma è ancora sotto il prezzo di collocamento, con un rendimento che supera tranquillamente la doppia cifra. Decisamente più contenuti, invece, i rendimenti delle obbligazioni senior che si attestano mediamente intorno al 5%. Sul MOT di Borsa Italiana, l’obbligazione Veneto Banca 4% 2017 (codice ISIN XS1016053537) si scambia a 99 e va a rimborso fra nove mesi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami