Veneto Banca riapre bond 2017 per 150 milioni

Il gruppo bancario ha collocato con successo altre obbligazioni senior triennali. Buona la risposta degli investitori col rendimento che scende al 3,50%

di , pubblicato il
Il gruppo bancario ha collocato con successo altre obbligazioni senior triennali. Buona la risposta degli investitori col rendimento che scende al  3,50%

Veneto Banca ha riaperto il bond da 350 milioni di euro. Con un’operazione lampo condotta da Natixis, Nomura, IMI e Deutsche Bank, il gruppo bancario ha riaperto il book dell’emissione obbligazionaria lanciata lo scorso mese di gennaio collocando sul mercato altri 150 milioni di euro. La size del bond è ora di 500 milioni di euro. L’offerta, rivolta a investitori istituzionali, ha visto la partecipazione di numerosi investitori italiani ed esteri che hanno accolto con favore la riapertura del prestito di durata triennale. L’obbligazione bancaria ha scadenza 20 gennaio 2017 (Isin XS1016053537) è senior unsecured e offre una cedola fissa annuale del 4%.

Inizialmente collocato con un rendimento de 4,125%, la nuova tranche obbligazionaria venduta da Veneto Banca è stata prezzata a 101,341 per un rendimento lordo del 3,503% a scadenza. Lo yield è comunque in tendenziale discesa – osservano i traders – poiché sul mercato le obbligazioni Veneto Banca scambiano già oltre il prezzo di collocamento, a 101,65.

 

Obbligazioni Veneto banca 4% 2017

 

Negoziabile per tagli minimi da 100.000 euro nominali con multipli supplementari di 1.000, l’obbligazione in euro rientra nel programma EMTN (Euro Medium Term Notes) già approvato dal CdA di Veneto Banca e sarà aggiunta a quella già quotata sulla borsa del Lussemburgo. Il rating è BB per Standard & Poor’s e Baa2 per Moody’s, in area “non investment grade”.  [fumettoforumright]“L’ottimo esito dell’operazione – ha ribadito l’ad di Veneto Banca, Vincenzo Consoli – conferma l’interesse da parte di banche e fund manager italiani ed europei per l’istituto veneto”. Il successo di questo secondo collocamento obbligazionario – spiegano gli analisti – è dovuto sicuramente alle migliori condizioni di mercato, ma anche dalla recente smentita ufficiale dei vertici relativamente a rumors che parlavano di integrazione fra Veneto Banca e Popolare di Vicenza. Veneto Banca resterà quindi indipendente e il mercato ne ha apprezzato la decisione. Per Veneto Banca si tratta della terza emissione obbligazionaria triennale in meno di cinque mesi. La prima risale allo scorso mese di settembre, quando il gruppo bancario lanciò sul mercato un bond da 300 milioni con rendimento del 4,25%.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami