Veneto Banca in rosso nel primo trimestre, ma i bond salgono

Obbligazioni Veneto Banca in rialzo (+50%) in vista dell’aumento di capitale. Deludono i conti trimestrali

di Mirco Galbusera, pubblicato il

Veneto Banca, l’altra grande popolare veneta malata (insieme alla Popolare di Vicenza), in via di ricapitalizzazione, torna al centro dell’attenzione degli investitori. Il prossimo 5 maggio si terrà l’Assemblea dei soci di Veneto Banca per eleggere il nuovo Cda e varare l’aumento di capitale da 1 miliardo di euro. Un’assemblea, quella della Veneto, che si preannuncia infuocata, a maggior ragione dopo la pubblicazione dei conti trimestrali al 31 marzo 2016 che non hanno evidenziato nulla di buono. Nel corso del primo trimestre dell’anno –si legge in un comunicato – Veneto Banca ha riportato una perdita netta di 34 milioni di euro. Al netto delle componenti non ricorrenti, il risultato di periodo si attesterebbe a -11 milioni di euro. Il margine di intermediazione si è invece attestato a 178 milioni (263 milioni 1° trim 2015), con il margine di interesse sceso a 108 milioni (125 milioni). Le commissioni nette si attestano a 59 milioni (77 milioni), mentre il risultato dell’attività da negoziazione e valutazione delle attività finanziarie è sceso a 7 milioni (62 milioni). I costi operativi sono poi cresciuti a 166 milioni (143 milioni). Le rettifiche sui crediti si sono attestati a 59 milioni, corrispondenti a 112 punti base di costo del credito, in calo rispetto ai 332 basis point dell’anno precedente. Le coperture sul totale dei crediti deteriorati sono salite al 35,6%, in crescita di circa 30 punti base rispetto al 2015. I crediti deteriorati lordi si attestano a 7,7 miliardi (7,6 milioni a fine 2015), i crediti deteriorati netti sono stabili a 4,9 miliardi.  

Veneto Banca obbligazioni high yield in rialzo del 50%

  L’amministratore delegato di Veneto Banca, Cristiano Carrus, ha sottolineato che per quanto riguarda l’aumento di capitale la banca conta di varare l’operazione da un miliardo senza l’intervento del fondo Atlante. E, come per la Popolare di Vicenza, anche qui il valore delle azioni scenderà ai minimi termini, mentre per le obbligazioni, soprattutto quelle subordinate, le cose si stanno mettendo bene. Il bond high yield 9,50% 2025 da 200 milioni di euro quotato su EuroTLX (codice ISIN XS1327514045) lanciato lo scorso autunno presso investitori istituzionali è tornato sopra quota 90, dopo essere sceso fino a 60 all’inizio dell’anno. Chi ha acquistato le obbligazioni quattro mesi fa ha già messo a segno un guadagno del 50% confidando appunto nel buon esito della ricapitalizzazione di Veneto Banca. In rialzo anche gli altri bond a breve scadenza con conseguente restringimento dei rendimenti. Veneto Banca 4% 2017 (codice ISIN XS1016053537) quotato sul MOT di Borsa Italiana è tornato alla pari.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Veneto Banca, Obbligazioni High Yield, Obbligazioni subordinate