Un ETF per investire nei CoCo bond: commissione tagliate e +31,5% da marzo

Il fondo di Unicredit e Axiom ha appena abbassato le commissioni per investire e consente di impiegare capitali nel mondo delle obbligazioni bancarie subordinate.

di , pubblicato il
Il fondo di Unicredit e Axiom ha appena abbassato le commissioni per investire e consente di impiegare capitali nel mondo delle obbligazioni bancarie subordinate.

UC Axiom Global CoCo Bonds UCITS ETF ha deciso di tagliare le commissioni di 26 punti base, portandole allo 0,39%. Il fondo di Unicredit e Axiom, nato solamente nel febbraio dello scorso anno e quotato alla Borsa di Francoforte consente all’investitore di puntare i capitali sulle obbligazioni bancarie subordinate del tipo Additional Tier 1 (AT1) e Restricted Tier 1 (RT 1). Dalla sua quotazione, ha messo assieme assets per un controvalore di 65 milioni di euro.

Banche, ora fanno paura i CoCo Bond. Qual è la situazione in Italia?

I cosiddetti CoCo Bond, sigla che sta per “Contingent Convertible Bond”, sono titoli “ibridi” emessi dalle banche e che sono nati dopo la crisi finanziaria del 2008, grazie al permesso accordato agli istituti dalle authority per il lancio di strumenti con caratteristiche a metà tra debito e capitale ai fini regolamentari. Si tratta di bond che possono essere convertiti in equity dall’emittente al verificarsi delle condizioni fissate nei prospetti informativi, vale a dire nei casi in cui il capitale di vigilanza scende al di sotto di un livello minimo stabilito. In altri casi, poi, possono essere sospesi o del tutto annullati i pagamenti delle cedole.

Di fatto, sono obbligazioni molto rischiose, tant’è che vengono generalmente riservate ai soli investitori istituzionali. Il suddetto fondo consente al singolo investitore di entrare su un mercato da 141 miliardi, senza esporsi nei confronti di una banca o di un titolo specifici. E questo aspetto, più che le basse commissioni in sé, appare interessante, essendo il mercato degli AT1 e dei RT1 potenzialmente molto remunerativo, date le elevate cedole staccate, ma anche molto poco liquido, essendo i titoli scarsamente negoziati sul secondario.

Potenzialità anche per il prossimo futuro

In qualità di ETF, parliamo di un fondo dalla gestione passiva, che si limita a replicare la performance degli assets sottostanti.

Da qui, il basso costo tipico delle relative commissioni. L’indice a cui fa riferimento è il Solactive AXI Liquid Contingent Capital Global Market TR Index – Eur Hedged. Le obbligazioni sottostanti sono denominate in euro o in dollari, in questo secondo caso con copertura contro i rischi valutari. Al suo debutto, una quota valeva 100.000 euro, mentre ieri risultava salita a 107.000 euro, registrando un rialzo del 7% in 15 mesi. Tuttavia, si consideri che prima del Covid-19, a febbraio era arrivata a un prezzo superiore ai 112.400 euro. Di seguito, a marzo toccava un minimo di 81.372 euro, per cui in poche settimane ha segnato un recupero del 31,5%.

Pur restando, quindi, sotto i massimi dell’anno e dalla nascita, il fondo ETF ha quasi azzerato le perdite e potenzialmente riuscirebbe a guadagnare parecchio anche nei prossimi mesi, man mano che il rischio percepito sui mercati finanziari si ridurrà. Di fatto, le obbligazioni subordinate sono considerate un azzardo nelle fasi negative per l’economia, dati i contraccolpi che queste tendono ad avere sui margini delle banche, mentre nelle fasi di ripresa fanno gola e vengono inserite nei portafogli per elevarne la redditività. E il rialzo dei rendimenti sovrani “core” nelle ultime sedute, americani compresi, segnala proprio l’allentamento delle tensioni.

[email protected] 

 

Argomenti: , ,