Tutti pazzi per i Bond Alibaba

La forte richiesta di carta del colosso cinese ha fatto alzare l’offerta a 10 miliardi di dollari. Rendimenti attesi vicinissimi a quelli dei Tresuries

di Mirco Galbusera, pubblicato il
La forte richiesta di carta del colosso cinese ha fatto alzare l’offerta a 10 miliardi di dollari. Rendimenti attesi vicinissimi a quelli dei Tresuries

Tutti in fila per sottoscrivere i bond Alibaba. Come preannunciato giorni fa, è infatti partito il collocamento obbligazionario del colosso cinese dell’e-commerce sulle ali dell’entusiasmo derivante dall’Ipo del mese scorso. E già si prevede che i rendimenti non saranno entusiasmanti, molto vicini a quelli dei Tresurie americani – osserva un operatore – nonostante le agenzie di rating attribuiscano all’emittente una valutazione due gradini inferiore ( A1, A+ e A+ con outlook stabile). Così, gli investitori stanno dimostrando un interesse fuori dalla norma per il primo bond di Alibaba Group Holding, al punto da spingere l’azienda ad aumentare le dimensioni del suo primo prestito obbligazionario. Secondo un investitore rimasto anonimo, il colosso dell’e-commerce cinese potrebbe aumentare l’ammontare dell’emissione dagli iniziali 8 miliardi di dollari a 10 miliardi circa.   Alibaba vale più di 250 miliardi a Wall Street   Alibaba, che due mesi fa è sbarcata a Wall Street con un’offerta pubblica iniziale di 25 miliardi di dollari capace di battere tutti i record nella storia della finanza Usa, ha annunciato solo la scorsa settimana l’intenzione di approfittare della favorevole finestra apertasi sul mercato obbligazionario d’oltreoceano e in pochi giorni ha assistito di nuovo all’euforia degli investitori per la sua storia di crescita continua e senza sosta. Alibaba, in sede di Ipo, era riuscita a spuntare una valutazione di ben 160 miliardi, salita a 230 miliardi al termine del primo giorno di scambi sul New York Stock Exchange, e in scia all’enorme interesse del mercato ha più volte aumentato la forchetta di prezzo indicativo arrivando alla fine a raccogliere complessivamente oltre 25 miliardi, nuovo record per le offerte pubbliche iniziali di tutta la storia della finanza mondiale. I precedenti record sono stati infatti fissati a 22,1 miliardi da Agricultural Bank of China nel 2010 e a 19,7 miliardi da Visa nel 2008.   Obbligazioni Alibaba scadenzate fra i 3 e i 20 anni   [fumettoforumright]L’interesse del mercato per Alibaba non sembra però scemare in alcun modo. Se il prezzo di collocamento era stato fissato a 68 dollari e il primo giorno di negoziazione si e’ chiuso con un rialzo del 39% a 94 dollari circa, il titolo ha ormai superato ampiamente i 110 dollari e la società e’ stata travolta dalle enormi richieste per il suo debutto sul mercato obbligazionario. Gli investitori hanno infatti piazzato ordini per oltre 55 miliardi dollari per le obbligazioni di Alibaba. La società cinese, che dovrebbe fissare i termini dell’emissione di bond con diverse scadenze da 3 a 20 anni alla fine della giornata statunitense, potrebbe ancora decidere di emettere solo 8 miliardi di dollari. In attesa dei dati definitivi rimane il fatto che il bond di Alibaba, al pari dell’Ipo, è destinato a beneficiare alla grande dell’ottimo contesto del mercato obbligazionario Usa e a battere tutti i record per il mondo corporate ma solo per l’anno in corso perché le vette raggiunte da Apple negli anni scorsi sono difficili da avvicinare per chiunque.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni societarie, Ratings

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.