Turchia torna sul mercato con un bond da 1 miliardo

Le obbligazioni della Turchia in Usd a 5 anni rendono il 4,25% (XS1303467077). Economia in ripresa, ma inflazione alta

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni della Turchia in Usd a 5 anni rendono il 4,25% (XS1303467077). Economia in ripresa, ma inflazione alta

La Turchia torna ad emettere obbligazioni. Nonostante le tensioni politiche e la debolezza delle lira turca sui mercati, Ankara ha collocato un bond da 1 miliardo di dollari (Usd) presso investitori istituzionali  raccogliendo molte adesioni. La Turchia sta infatti cercando di uscire dalla crisi economica in cui è finita e timidi segnali di ripresa si stanno cominciando ad intravvedere. Secondo l’Agenzia Nova l’attività economica della Turchia è destinata a espandersi a un ritmo moderato, sulla base di un prezzo del petrolio molto basso e dell’aumento dei salari. E’ quanto si legge nelle previsioni finanziarie di primavera della Commissione Ue, secondo cui però dovrebbero calare le esportazioni nette, soprattutto a causa delle sanzioni russe e della situazione instabile della sicurezza a livello nazionale e nel vicinato. L’inflazione – aggiunge la Commissione – è destinata a rimanere alta, mentre il debito pubblico dovrebbe diminuire. “L’economia turca – spiega il documento Ue – è cresciuta al sorprendente tasso del 4% nel 2015”. Il dato si deve accostare a quello dell’aumento della spesa dei consumatori (più 4%), sostenuta soprattutto dal calo del prezzo del petrolio. Anche gli investimenti privati, dopo essere stati vicino alla stagnazione, hanno raggiunto un tasso del 2,7%. Il Prodotto interno lordo della Turchia – secondo le previsioni finanziarie – dopo il 4% nel 2015, dovrebbe attestarsi al 3,5% nel 2016 per poi passare al 3,7% nel 2017. In lieve aumento il tasso di disoccupazione, che passa dal 10,5 per cento del 2015 al 10,9 per cento del 2017.

 

Tornando alle finanze, la Turchia ha prezzato un bond da 1 miliardo di dollari (Usd) a 5 anni alla pari offrendo un rendimento del 4,251%. L’obbligazione è stata sottoscritta esclusivamente da investitori istituzionali e sarà presto negoziabile sulla borsa del Lussemburgo per importi minimi di 200.000 Usd. Il bond della Repubblica della Turchia (codice ISIN  XS1303467077) paga un coupon del 4,251% su base semestrale, l’8 giugno e l’8 dicembre di ogni anno fino al 2023 quando andrà a rimborso in maniera integrale. Il rating della Turchia è BB++ per Standard & Poor’s e Baa3 per Moody’s

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Bond in dollari USA, Ratings, Bond Turchia

I commenti sono chiusi.