Tobin tax titoli di stato: Italia pronta a mettere il veto

L'ambasciatore italiano va al muro contro muro e minaccia di bloccare il progetto di tassazione europea dei Btp

di , pubblicato il
L'ambasciatore italiano va al muro contro muro e minaccia di bloccare il progetto di tassazione europea dei Btp

L’Italia non ha alcuna intenzione di dare il suo via libera all’introduzione di una Tobin Tax anche sulle transazioni dei titoli di Stato. Lo ha affermato l’ambasciatore italiano presso l’Unione Europea Ferdinando Nelli Feroci nel corso di una conferenza stampa.

Secondo quanto battuto da alcune agenzie, Feroci avrebbe dichiarato che l’esclusione dalla base imponibile delle transazioni sui titoli di Stato sia per l’Italia un punto irrinunciabile. “Su questo punto molto delicato per noi siamo pronti ad andare allo scontro, al confronto duro, per noi è una posizione irrinunciabile, spero che i nostri partner lo capiscano” ha dichiarato l’ambasciatore.

 

Tobin Tax cooperazione rafforzata: i due fronti in campo

Ma cosa potrebbe avvenire nel caso in cui la posizione italiana non ottenesse riscontro da parte degli altri paesi che partecipano alla cooperazione rafforzata in materia di tassazione sulle transazioni finanziarie? Anche su questo punto Feroci è sembrato molto determinato minacciando lo stop a ogni accordo sulla Tobin Tax.

Lo scontro che si starebbe profilando in merito all’estensione della tassazione sui titoli di stato vedrebbe da un lato la Germania e altri paesi del Nord Europa e dall’altro Italia e Spagna. Nel caso in cui le parti non trovino un accordo, l’intero iter per l’introduzione della Tobin sarebbe bloccato.

Argomenti: