Titoli di stato: si allenta (ma resta) la tensione sull’obbligazionario

Sale il rendimento dei governativi core e scende quello dell'Italia: è una buona notizia

di Enzo Lecci, pubblicato il
Sale il rendimento dei governativi core e scende quello dell'Italia: è una buona notizia

La tensione sui mercati obbligazionari sembra alleggerirsi. Dopo il rimbalzo tecnico di ieri, oggi si avverte un piccolo ritorno della fiducia. Ovviamente alleggerimento non significa affatto venir meno della tensione visto che i fattori di rischio resta immutati. Il focus, in particolare, continua ad essere rivolto sull’Italia. Lo sblocco dell’impasse politico-istituzionale in cui il nostro paese è piombato potrebbe contribuire a riportare il sereno.

Per quello che riguarda il mercato dei titoli di stato la situazione oggi è questa: i rendimenti dei titoli governativi dei paesi core come la Germania segnano un leggero aumento allontanandosi dai minimi toccati nelle fasi più calde della crisi italiana. Al tempo stesso il rendimento dei paesi periferici, Italia in primis, registrano un ribasso dai 70 centesimi del due anni ai 20 del titolo decennale. Questa dinamica, ossia incremento da un lato (quello tedesco) e calo dall’altro (quello italiano) determina una contrazione dello spread Btp Bund, il metro ufficiale della crisi.

Dalle indicazioni che arrivano dall’obbligazionario sembra che il mercato stia guardando con favore al riavvicinarsi di una soluzione alla crisi politica. Non dimentichiamo che ieri tornata sul tavolo l’ipotesi di un governo M5S-Lega con lo spostamento di Savona a un altro ministero.

Allargano l’orizzonte a tutto l’Occidente, Usa compresi, rileviamo che anche il rendimento dei T-bond si sta riportando verso valori che sono considerati più normali. Il rendimento del T-bond potrebbe riagganciare per lo meno quota 2,90% nonostante i dati macro Usa di ieri a partire dal Pil (PIL Usa primo trimestre rivisto al ribasso, futures positivi).

Segnaliamo anche il forte rialzo degli spread sui titoli corporate high-yield che incorpora lo sbandamento delle borse registrato nelle ultime sedute a causa della crisi italiana.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.