Titoli di Stato italiani: il MEF riacquista 700 milioni di titoli, spread si allarga

Il prossimo 27 giugno il Tesoro offrirà in asta BOT semestrali per 6,5 miliardi di euro

di Enzo Lecci, pubblicato il
Il prossimo 27 giugno il Tesoro offrirà in asta BOT semestrali per 6,5 miliardi di euro

Il Ministero dell’Ecomomia e delle Finanze ha reso noto di aver concluso il riacquisto su BTp e CcTeu per un totale di 700 milioni. L’operazione è avvenuta utilizzando le giacenze del Conto disponibilità del Tesoro. Più nel dettaglio è stato riacquistato il CCTeu scadenza 15/11/2019 per 150 milioni, il CcTeu scadenza 15/12/2020 per 400 milioni e il BTp scadenza 01/05/2020 per 150 milioni.

Mentre il mercato si interroga sulla mossa del Tesoro, lo spread Btp Bund oggi risulta essere in forte allargamento. Il differenziale di rendimento è salito fino a 251 punti base, sui massimi a due settimane con il rendimento del decennale italiano è salito a ridosso di quota 2,8%. Secondo alcuni osservatori i titoli di Stato decennali italiani soffrono sul secondario a seguito dei risultati elle elezioni comunali che hanno visto una netta affermazione del centrodestra e della Lega con il Partito Democratico che ha perso nelle sue roccaforti toscane. Ricordiamo che già alla fine della scorsa settimana erano tornate le tensioni sui Btp innescate dalla nomina dei due economisti euroscettici della Lega, Alberto Bagnai e Claudio Borghi, rispettivamente per la presidenza della Commissione Finanze del Senato e di quella Bilancio della Camera.

Per quello che riguarda le prossime aste del Tesoro, il prossimo 27 giugno il Mef offrirà in asta Bot semestrali per 6,5 miliardi (in scadenza ci sono Bot semestrali per lo stesso importo).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Titoli di Stato Italiani, Btp