Tiscali lancia bond convertibile da 10,6 milioni per istituzionali

Le obbligazioni convertibili Tiscali sono infruttifere e avranno scadenza 2020. Tutti i dettagli

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni convertibili Tiscali sono infruttifere e avranno scadenza 2020. Tutti i dettagli

Tiscali ha concluso le attività preparatorie necessarie all’emissione di un prestito obbligazionario convertibile riservato a investitori qualificati. La società, informa una nota diffusa nella serata di ieri, ha raggiunto e sottoscritto un accordo con i soci Ict Holding Limited (parte correlata) e Sova Disciplined Equity Fund per la sottoscrizione del prestito obbligazionario convertibile per 10,6 milioni suddivisi in quote paritetiche che consentirà di reperire liquidità per complessivi 10 milioni circa, corrispondenti all’impegno assunto dai citati soci lo scorso 16 novembre.

Obbligazioni convertibili Tiscali

L’emissione del bond verrà eseguita senza la preventiva pubblicazione di un prospetto informativo di offerta in virtù dell’esenzione alla pubblicazione di un prospetto di offerta prevista dall’articolo 34-ter, c. 1, lett. b) del Regolamento Emittenti. Le obbligazioni non saranno quotate in alcun mercato regolamentato, hanno una durata di un anno e non hanno alcuna cedola (infruttifere di interessi). Il prezzo di sottoscrizione delle obbligazioni sarà pari al 95% del valore nominale. Le obbligazioni potranno essere convertite in azioni Tiscali su richiesta dei sottoscrittori dopo due mesi dall’emissione e su richiesta dell’Emittente a scadenza. Il prezzo di conversione è pari all’85% della media ponderata per volume dei prezzi delle azioni dell’Emittente registrati alla chiusura delle negoziazioni degli ultimi 10 giorni lavorativi precedenti la data di richiesta di conversione.

Sull’adeguatezza dei criteri proposti ai fini della determinazione del prezzo di emissione delle nuove azioni da emettere a servizio della conversione del Prestito Obbligazionario ha espresso il proprio parere Deloitte & Touche. La sottoscrizione dell’accordo con Ict è qualificabile come operazione di maggiore rilevanza in base al criterio dell’indice di rilevanza del controvalore di cui al Regolamento parti correlate. E’ previsto che l’emissione del bond, e il relativo aumento di capitale a servizio dello stesso, vengano deliberati, in virtù delle Deleghe, dal Consiglio di Amministrazione il 31 gennaio 2019.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni convertibili