Tesoro lancia nuovo Btpei a 5 anni (maggio 2022) via sindacato

Btpei maggio 2022 è collocato da un pool di banche internazionali e costituisce il primo passo verso nuovi bond indicizzati all'inflazione

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Btpei maggio 2022 è collocato da un pool di banche internazionali e costituisce il primo passo verso nuovi bond indicizzati all'inflazione

Un nuovo Btpei a 5 anni si appresta a fare il suo esordio fra i titoli di stato. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha affidato ieri a Banca IMI, Nomura, Royal Bank of Scotland e UBS il mandato per il collocamento sindacato di un nuovo bond Btpei benchmark con scadenza il 15 maggio 2022. La transazione – recita il comunicato ufficiale – sarà effettuata nel prossimo futuro, in relazione alle condizioni di mercato. Di solito le emissioni avvengono il giorno successivo all’annuncio e quindi il collocamento potrebbe arrivare già in giornata. Con questa asta il Mef intende stabilire un nuovo bond Btpei benchmark sul segmento a 5 anni della curva dei rendimenti reali, dopo un’assenza di circa 3 anni. La struttura del nuovo titolo di stato ricalcherà quella dei Btpei finora emessi, con l’unica differenza della periodicità delle cedole, che saranno pagate nei mesi di maggio e novembre. Questo nuovo ciclo cedolare e il diverso mese di scadenza caratterizzeranno anche le future emissioni di nuovi titoli Btpei. La prima guidance di rendimento sul nuovo titolo è in area 20 punti base sopra il Btpei settembre 2021.  

Tesoro lancia Btpei 15 maggio 2022 via sindacato

  Come annunciato anche nelle linee guida per la gestione del debito pubblico per il 2016, la scelta di cambiare ciclo cedolare e mese di scadenza è motivata dal duplice scopo di soddisfare le consolidate richieste provenienti dagli investitori per prodotti indicizzati all’inflazione, assicurando una gestione più efficiente dei flussi di pagamento degli interessi e del profilo dei rimborsi a scadenza per il Mef. Questa prima emissione di un Btpei con ciclo cedolare maggio-novembre avverrà attraverso un sindacato di collocamento formato da banche selezionate tra il gruppo di Specialisti ed attive sul comparto dei linkers europei. L’obiettivo è quello di assicurare un’efficace azione di marketing, volta ad una più capillare distribuzione, evidenziando opportunamente le implicazioni del nuovo ciclo cedolare nella valutazione dei titoli del comparto. Il nuovo Btpei a 5 anni sarà riproposto regolarmente nelle aste ordinarie, in modo da garantire al titolo un adeguato flottante finale, in linea con quanto già avviene per tutti i Btpei.  

Nuovo Btpei a 5 anni, primi commenti

  Si tratta del primo sindacato in sette mesi nella zona euro per un titolo di Stato indicizzato: potrebbe essere un segnale di come le ultime misure della Bce stiano riuscendo a risollevare le aspettative di inflazione, sensibilmente arretrate tra fine 2015 e inizio 2016, di fatto bloccando un segmento di mercato che ancora per gran parte dello scorso anno si era mostrato piuttosto vivo, con le emissioni di Italia (a 15 anni), Spagna e Germania (a 30 anni). Il mercato non è così buono come in passato, ma lo stesso percorribile – commenta un operatore non coinvolto nell’operazione odierna -. D’altra parte la decisione di procedere con un nuovo indicizzato quinquennale ha colto di sorpresa diversi osservatori, in un momento in cui le attese sull’Italia erano prevalentemente concentrate verso un possibile titolo di Stato a 50 anni  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Btp

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.