Tesla: vende obbligazioni per 837 milioni usd

Le obbligazioni Tesla sono supportate dai pagamenti di locazione auto derivanti da clienti con rating di credito elevato,

di , pubblicato il
Le obbligazioni Tesla sono supportate dai pagamenti di locazione auto derivanti da clienti con rating di credito elevato,

Tesla ha venuto obbligazioni per 837 milioni di dollari, grazie soprattutto ai contratti di leasing e all’ottimismo degli investitori rispetto a una veloce crescita delle operazioni di locazione auto. La decisione di Tesla di vendere obbligazioni legate ai contratti di leasing è arrivata nonostante la volatilità del mercato dei debiti, tipica della fine dell’anno, e in un momento in cui gli investitori generalmente non acquistano più titoli.

Gli operatori di mercato hanno ritenuto tuttavia che si tratti di un momento di grande redditività per la società di auto elettriche, che ha recentemente registrato un utile trimestrale record nonostante durante l’anno abbia avuto problemi di produzione e abbia dovuto affrontare le difficoltà date dal comportamento del suo controverso Ceo, Elon Musk.

Obbligazioni Tesla garantite da leasing

Le obbligazioni Tesla sono supportate dai pagamenti di locazione auto derivanti da clienti con rating di credito elevato, e dai proventi che si aspetta dalla vendita delle auto una volta scaduti i contratti di leasing. Come è tipico per le obbligazioni legate alla locazione auto, i bond saranno collocati da un’entità speciale che ha il compito di assicurare gli investitori in caso di fallimento della società. Tesla aveva venduto i primi bond di questo tipo a febbraio, raccogliendo 546 mln usd. Le ultime obbligazioni vendute sono legate soprattutto al leasing delle auto Model X e Model S, vendute per circa 100.000 dollari.

Gli investitori che acquistano le obbligazioni saranno comunque coinvolti nelle future sfide che attendono Tesla. Alcuni tra questi, infatti, ritengono che la società dichiarerà fallimento entro i tempi di durata dei bond, con scadenza al 2021. Altri, invece, hanno fiducia nella sostenibilità e nella popolarità delle auto, ritenendo che continueranno ad avere lo stesso valore anche quando i primi contratti di leasing inizieranno a scadere nel 2020.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: