Telecom Italia, S&P conferma il rating. Volano i bond

L'agenzia lascia invariato il merito creditizio dopo la presentazione del piano industriale. S’impennano i prezzi delle obbligazioni

di Mirco Galbusera, pubblicato il
L'agenzia lascia invariato il merito creditizio dopo la presentazione del piano industriale. S’impennano i prezzi delle obbligazioni

Standard & Poor ha confermato i rating (BB+) e l’outlook di Telecom I. dopo che la società di telecomunicazioni ha presentato i conti del 2014 e il piano strategico al 2017. Secondo l’agenzia di rating, i dati non modificano le previsioni che riguardano anche il rapporto tra debito e margine operativo lordo. Inoltre, “continuiamo a prevedere flussi di cassa moderatamente positivi dopo i dividendi e la liquidità si manterrà ‘forte’. La società ha realizzato nel 2014 una performance di un po ‘più forte’ di quanto ci aspettassimo”.   Obbligazioni Telecom Italia in forte rialzo   Stabili i rendimenti dei bond Telecom Italia dopo la notizia di S&P. Tuttavia – osservano gli analisti – i titoli quotati avevano già anticipato le valutazioni dell’agenzia apprezzandosi da inizio anno. In particolare sulla parte lunga della curva si è assistito a un consistente rialzo delle quotazioni con il bond Telecom Italia Finance S.A. 7,75% 2033 (XS0161100515 ) che in poche sedute ha messo a segno un rialzo di 12 punti, a quota 146, per un rendimento che si è schiacciato al 4% lordo. Più contenuti, invece, i rialzi sui bond a breve e medio termine, dove i rendimenti risultavano già molto compressi, fra 1 e 2 per cento.     Telecom Italia si appresta a quotare le torri in borsa   [fumettoforumright]Telecom Italia ritocca leggermente verso l’alto le previsioni per gli investimenti nel triennio e annuncia per quest’anno una politica dei dividendi orientata a pagare solo la cedola minima per le azioni di risparmio. Lo dice una nota della società, aggiungendo che, per quanto riguarda l’Ipo delle torri, Telecom intende mantenere la maggioranza della società che sarà quotata in borsa. Il consiglio ha approvato il “conferimento in Inwit del ramo d’azienda che comprende circa 11.500 siti gestiti attualmente da Telecom Italia, dove sono ospitati gli apparati di trasmissione radio per le reti di telefonia mobile di Telecom Italia ed apparati radio anche di altri operatori”. In presenza di un Ebitda domestico stabile nel 2016 e in crescita nel 2017, Telecom Italia vede rapporto debito netto rettificato su ebitda reported a 2,5 a fine 2017 dal 3 attuale. Il Capex sale a circa 14,5 miliardi, da meno di 14 miliardi del piano approvato a novembre 2013 e da circa 16 miliardi del piano 2013-15 varato dall’ex-AD Franco Bernabè.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni High Yield, Obbligazioni societarie, Obbligazioni Telecom Italia, Ratings

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.