Standard & Poor’s alza rating Italia. Bene i rendimenti dei Btp

Bene Btp dopo upgrade Italia da parte di Standar & Poor’s: il rating sale a BBB con out look stabile

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Bene Btp dopo upgrade Italia da parte di Standar & Poor’s: il rating sale a BBB con out look stabile

Performance solida dei Btp dopo l’upgrade del rating dell’ Italia da parte di Standard & Poor’s. Il rendimento del decennale tratta infatti all’1,92%, in calo di due punti base. L’agenzia venerdì ha alzato la raccomandazione del Paese da BBB- a BBB con outlook stabile, evidenziando il miglioramento delle prospettive di crescita economica sostenuta dall’aumento degli investimenti e anche dalla politica monetaria accomodante della Banca centrale europea.

 

Le migliorate condizioni di crescita dell’Italia hanno indotto l’agenzia internazionale Standard & Poor’s a rivedere al rialzo il rating del nostro paese.  Nella relazione periodica sull’andamento dell’economia dell’Italia S&P ha portato il rating a ‘BBB/A-2’, con outlook stabile, da ‘BBB/A-3 con outlook stabile. L’agenzia internazionale ha precisato: “Rivediamo al rialzo il rating dell’Italia per le migliorate prospettive di crescita, sostenute da un aumento degli investimenti  e dalla crescita dell’occupazione, ma anche dalla politica monetaria espansiva“. Sulla base di questo contesto – ha spiega S&P – il rialzo riflette anche i diminuiti rischi nel settore bancario per l’outolook economico ed un ulteriore consolidamento di bilancio. L’Agenzia prevede che il Pil crescerà dell’1,4% quest’anno, ben oltre le precedenti stime ferme allo 0,9%. S&P ritiene che le riforme compiute negli ultimi due anni dalle autorità italiane per risolvere le difficoltà del settore finanziario dovrebbero sostenere i miglioramenti economici in corso.

 

L’incertezza legata all’esito delle prossime elezioni politiche – ha aggiunto – potrebbe pesare sulla perfomance economica dell’Italia e sulle condizioni del settore finanziario. Secondo S&P, il governo può raggiungere l’obiettivo di un deficit di bilancio del 2,1% del Pil.  S&P potrebbe considerare un’ulteriore revisione al rialzo del rating se il governo continuerà ad implementare riforme strutturali che sostengono le prospettive di crescita economica o se inzierà a ridurre il debito pubblico.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ratings, Btp

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.