Spread sopra 170 pb, Lega-M5S pronti per Mattarella

Lo spread Btp/Bund tratta in netto allargamento, il nervosismo verso l'Italia spinge il rendimento del Btp sopra quota 2,2%

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Lo spread Btp/Bund tratta in netto allargamento, il nervosismo verso l'Italia spinge il rendimento del Btp sopra quota 2,2%

Gli asset italiani restano sotto forte pressione quando sembra ormai tutto pronto per la nascita del Governo Lega-M5S. I leader dei due partiti, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, hanno messo a punto la squadra che comporrá l’esecutivo in attesa di essere chiamati oggi al Colle da Sergio Mattarella.

I mercati sono nervosi. Lo spread Btp/Bund tratta in netto allargamento sopra i 170 punti base a 171,091 pb rispetto ai 163,05 della chiusura di ieri, mentre il Ftse Mib, su cui pesa anche lo stacco cedole, lascia sul terreno lo 0,7%. La delicata situazione politica italiana pesa anche sull’euro, con il cambio tra la moneta unica e il biglietto verde scende dello 0,28% a 1,1737 con minimo intraday a 1,1716. Il Btp decennale rende invece il 2,21%.

La calma con cui i mercati hanno accolto il risultato delle elezioni in Italia di marzo ha lasciato il posto a “un certo grado di preoccupazione” ora che la coalizione di Governo tra Movimento 5 stelle e Lega sembra imminente, afferma Chris Iggo di Axa Investment Managers, ricordando anche che la fine degli acquisti di bond da parte della Banca centrale europea è ormai alle porte, altro elemento destabilizzante per l’obbligazionario del Paese. Per l’esperto inoltre i problemi di indebitamento a lungo termine dell’Italia sono evidenti e un forte aumento dei costi di finanziamento indebolirebbe ulteriormente la dinamica del debito.

La finalizzazione del contratto di Governo fra Movimento 5 Stelle e Lega “si è accompagnata a nuove pressioni al ribasso sulle quotazioni azionarie e del debito pubblico“, aggiungono gli economisti di Intesa Sanpaolo, puntualizzando che lo spread Btp/Bund ha raggiunto livelli che non si vedevano dall’ottobre dello scorso anno, allargandosi anche di 50 punti base sopra il minimo di aprile. “Neppure le dichiarazioni successive alla pubblicazione del documento, molto reticente sulla natura delle coperture, hanno dissipato i dubbi sull’impatto delle misure proposte sul debito pubblico. Tuttavia, è stato anche chiarito che l’implementazione sará spalmata sull’intera legislatura“, concludono gli esperti.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp