Spread si allarga, Btp non gradisce M5S-Lega

Lo spread si allarga e gli investitori non gradiscono l'alleanza M5S Lega per il nuovo governo

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Lo spread si allarga e gli investitori non gradiscono l'alleanza M5S Lega per il nuovo governo

Lo spread Btp/Bund tratta in allargamento a 136,216 punti base rispetto ai 131,185 punti base, con la possibilità di un esecutivo anti-establishment tra Movimento 5 Stelle e Lega che si fa sempre più concreta. Forza Italia ha infatti dato via libera a Matteo Salvini per negoziare un accordo di Governo con Luigi Di Maio, senza che ciò comporti una rottura dell’alleanza elettorale di centrodestra. FI non voterá la fiducia e potrebbe invece astenersi o non partecipare al voto.

Se le trattative fra Lega e M5S avranno esito positivo, sulla base della composizione ufficiale dei rispettivi gruppi parlamentari, la nuova maggioranza di Governo partirebbe con 167 seggi al Senato, su un totale di 318, e 346 seggi su 629 alla Camera. Soprattutto al Senato, quindi, i margini sarebbero piuttosto risicati“, commentano gli economisti di Intesa Sanpaolo. “L’apertura di un nuovo spiraglio per un Governo Lega-Movimento 5 Stelle ha ridato un po’ di supporto a Piazza Affari” ieri, “che forse vi vede, oltre che la possibilitá di evitare l’aumento dell’Iva, una politica fiscale piú espansiva“, afferma Giuseppe Sersale, strategist di Anthilia Capital Partners. L’esperto puntualizza però che “il Btp” invece “non gradisce molto l’impatto su finanze pubbliche e emissioni obbligazionarie di questa potenziale compagine, e così lo spread ha continuato a allargarsi“.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.