Société Générale quota nuove obbligazioni in lira turca e rupia indiana

I bond in lira turca e rupia indiana sono negoziabili su Borsa Italiana (Mot). Pagamento interessi in euro

di , pubblicato il
I bond in lira turca e rupia indiana sono negoziabili su Borsa Italiana (Mot). Pagamento interessi in euro

Sono sbarcate sul MOT di Borsa Italiana due nuove obbligazioni a tasso fisso in Lira Turca e in Rupia Indiana emesse e sviluppate dal Gruppo Societe Generale, leader nel mercato degli strumenti quotati.

 

I due strumenti, con scadenza di due anni, permettono di posizionarsi sull’andamento delle due valute emergenti potendo contare su cedole fisse annue lorde pari al 10%, nel caso dell’emissione in lire turche, e al 5,25% per quella in rupie indiane.

 

Obbligazioni SG in Rupia indiana e lira turca

 

Le due nuove obbligazioni vanno ad ampliare la ricca gamma di strumenti in valuta emergente di Societe Generale che ad oggi si compone di 10 obbligazioni per investire in sette diverse valute emergenti (peso messicano, real brasiliano, rupia indonesiana, rand sudafricano, rublo russo, lira turca e rupia indiana). La valuta di emissione e negoziazione delle due obbligazioni è quella emergente (lira turca e rupia indiana) mentre il pagamento delle cedole, il rimborso del capitale e le operazioni di acquisto di vendita avvengono in Euro, senza alcuna commissione di cambio.

 

SG punta sulle valute emergenti

 

Vincenzo Saccente, Co-Head Cross Asset and Public Distribution di Societe Generale in Italia ha commentato: “Con quest’ultima quotazione confermiamo la grande attenzione di Societe Generale sulle valute emergenti; la nostra gamma ha consentito negli ultimi anni agli investitori obbligazionari di diversificare il proprio portafoglio e trovare differenti possibili soluzioni in un contesto di tassi a zero.” Il rendimento effettivo dell’investimento non può essere predeterminato e dipende, tra l’altro, dal tasso di cambio tra la Valuta Emergente e l’Euro nonché dall’effettivo prezzo di acquisto delle obbligazioni e, in caso di disinvestimento prima della data di scadenza, dal relativo prezzo di vendita.

Entrambe le obbligazioni prevedono il rimborso, a scadenza, del 100% del valore nominale in valuta emergente.

Argomenti: ,