SocGen emette due bond in Lira Turca: caratteristiche principali

Le due nuove obbligazioni Societe Generale sono quotata sul listino EuroTLX

di Enzo Lecci, pubblicato il
Le due nuove obbligazioni Societe Generale sono quotata sul listino EuroTLX

SocGen è tornata sul mercato obbligazionario emettendo due nuovi bond in lira turca con protezione in euro. Le due nuove obbligazioni di Societe Generale sono quotate su EuroTLX dallo scorso 21 giugno e hanno un valore nominale pari a 3.000 lire turche e durata pari a 3 anni. I due nuovi bond offrono, rispettivamente, cedole fisse annue lorde del 10% oppure del 6,5% del valore nominale in lira turca, pagate in euro. Alla data di scadenza, le obbligazioni prevedono un rimborso del 100% del valore nominale in lira turca, pagate in euro. La protezione in euro, valida solo a scadenza, consente al sottoscrittore di ottenere un controvalore minimo di rimborso in Euro pari al 70% (per l’obbligazione con cedola annua del 10%) oppure all’80% (per l’obbligazione con cedola annua del 6,5%) del Valore Nominale convertito al tasso di cambio euro / lira turca (EUR/TRY) rilevato alla data di valutazione iniziale del 15 giugno 2018.

Poichè in quella data tasso di cambio EUR/TRY era pari a 5,5096, il controvalore minimo lordo di rimborso a scadenza sarà di 381,15 Euro per ciascuna obbligazione con cedola annua del 10% e di 435,60 Euro per ciascuna obbligazione con cedola annua del 6,5%.

Entrambi i bond sono emessi da SG Issuer e hanno come Garante Societe Generale. Il rating è A secondo Standard and Poor’s, A1 per Moody’s e, per finire, A per Fitch. Le obbligazioni sono emesse in lira turca, mentre il pagamento delle cedole e del rimborso a scadenza nonché le operazioni di acquisto e vendita sul mercato secondario sono regolati in euro.

Vincenzo Saccente, co-Head Cross Asset and Public Distribution di Societe Generale in Italia ha così commentato l’emissione: “Negli ultimi anni molti investitori, alla ricerca di nuove fonti di rendimento, hanno diversificato il proprio portafoglio assumendosi, però, anche nuovi rischi, come quelli dei tassi di cambio tra l’Euro e le valute emergenti, rivelatisi particolarmente volatili. Con le nuove obbligazioni in valuta emergente con protezione in Euro di Societe Generale, si vuole dare supporto a questi investimenti a forte rendimento potenziale, offrendo al contempo soluzioni in grado di limitare le perdite in caso di andamento avverso del tasso di cambio”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Nuove obbligazioni, Societé Générale