Saxo Bank lancia piattaforma digitale per il trading sui bond

La piattaforma digitale di Saxo Bank permette di effettuare trading su oltre 5.000 obbligazioni

di , pubblicato il
La piattaforma digitale di Saxo Bank permette di effettuare trading su oltre 5.000 obbligazioni

Saxo Bank lancia una nuova piattaforma digitale per fare trading sui bond. La nota banca danese cerca di soddisfare le esigenze degli investitori italiani non professionali desiderosi di acquistare o vendere obbligazioni, spesso non quotate sui mercati tradizionali, senza obbligarli a rivolgersi a un consulente riducendo al contempo i tempi di attesa e i costi, fondamentali per l’attività di trading.

Debutta così sul mercato italiano la prima vera soluzione digitale per il trading obbligazionario che dà all’investitore privato gli stessi vantaggi di quello istituzionale. Saxo Bank ha lanciato in questi giorni in Italia una nuova innovativa soluzione tecnologica che dà accesso fino a 40 dei più grandi liquidity provider per il trading online dei bond. Attraverso la sua piattaforma di trading multi asset SaxoTraderGO, la banca danese specializzata nel trading e negli investimenti online offre così ai suoi clienti l’accesso a opportunità di trading per oltre 5.000 titoli obbligazionari con investment grade in venti valute.

Saxo Bank lancia piattaforma digitale per il trading dei bond

Gian Paolo Bazzani, amministratore delegato in Italia di Saxo Bank, ha dichiarato: “È duro immaginare un mercato più maturo, per un cambio di marcia, di quello delle obbligazioni. Gli investitori, però, devono chiedersi se vogliono continuare a negoziare sulla base di un prezzo indicativo fornito da una singola banca o se, invece, vogliono ottenere il miglior prezzo possibile da più di 40 bond provider tra cui alcune delle più importanti banche mondiali. D’altra parte, fare in modo che i nostri clienti possano negoziare titoli in modo sempre più efficace è un’estensione della nostra missione di democratizzazione del trading e degli investimenti, senza soluzione di continuità tra investitori istituzionali e privati nell’accesso ai mercati finanziari”.

Argomenti: