Saipem prepara bond da 1,5 miliardi di euro. Rendimento atteso 2%

Le obbligazioni Saipem saranno collocate a investitori istituzionali dopo il referendum sulla Brexit

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni Saipem saranno collocate a investitori istituzionali dopo il referendum sulla Brexit

Il gruppo Saipem mette a punto gli ultimi dettagli per un’emissione obbligazionaria che potrebbe arrivare anche a 1,5 miliardi di euro in un’unica soluzione. Lo scrive il Corriere della Sera spiegando che un bond segnerebbe il debutto sui mercati del debito da parte del numero uno italiano dell’impiantistica. Certo, sottolinea il giornale, l’operazione è appesa al filo dell’esito del referendum inglese sulla permanenza del Regno Unito nell’Ue. Se Londra vota per l’Unione, le aziende torneranno ad approfittare del vento positivo su tassi e spread che aveva già sostenuto l’emissione equità linked da 400 milioni dell’Eni. Al lavoro sul bond Saipem, il cui debutto potrebbe arrivare entro metà luglio, ci sarebbero già Unicredit e Bnp Paribas che stanno mettendo a punto il programma Emtn (Euro medium term note) di circa 2 miliardi. Poi il parterre di banche collocatrici verrebbe esteso agli istituti che avevano partecipato al rifinanziamento complessivo di Saipem da 4,7 miliardi, rendendo possibile alla società guidata da Stefano Cao di completare il distacco dall’Eni. Considerata la fase favorevole che stanno attraversando i mercati obbligazionari, gli analisti ritengono positivo che il gruppo si appresti a lanciare un bond allo scopo di rimborsare il finanziamento ponte ricevuto dalle banche. Pur trattandosi di emittente non-investment grade (S&P BB+, Moody’s Ba1), il rendimento del bond potrà posizionarsi intorno al 2%.

Saipem trasporterà gas azero in Europa

 

Saipem ed i suoi partner nel consorzio, Bos Shelf e Star Gulf, si sono aggiudicati il contratto call-off 007 a fronte dell’accordo quadro per la fase 2 del progetto Shah Deniz da BP, per conto della partnership Shah Deniz. Il contratto ha un valore complessivo di circa 1,5 miliardi di dollari (di cui circa 1,3 miliardi di pertinenza di Saipem) ed una durata di cinque anni con un’opzione di estensione per ulteriori cinque anni. Il campo Shah Deniz, situato 90 chilometri al largo delle coste dell’Azerbaijan, si trova ad una profondità che varia da 75 a 550 metri. “Questo contratto rafforza ulteriormente il ruolo chiave di Saipem nella costruzione del corridoio meridionale del gas, per il quale la società ha all’attivo un totale di quattro contratti, nel segmento upstream e nell’infrastruttura di trasporto del gas, sia a terra che a mare”, ha commentato l’Ad della oil service, Stefano Cao.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni Saipem

I commenti sono chiusi.