Saipem: il bond sarà da 1,6 miliardi di euro

Entro un anno Saipem collocherà obbligazioni senior non convertibili per estinguere debiti in scadenza

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Entro un anno Saipem collocherà obbligazioni senior non convertibili per estinguere debiti in scadenza

Il Cda di Saipem ha deliberato l’emissione, da effettuarsi in un arco temporale massimo di un anno a decorrere da domani, di prestiti obbligazionari non convertibili per un ammontare complessivo massimo di 1,6 miliardi di euro. Più di quanto preventivato una settimana fa. In alternativa, si legge in una nota, è stata decisa l’assunzione della garanzia da parte di Saipem a favore dei sottoscrittori dei medesimi prestiti obbligazionari per il caso di emissione dei prestiti da parte della controllata Saipem Finance International Bv. Il Board ha attribuito all’a.d. il potere di definire importo e condizioni di dettaglio di ciascuna emissione obbligazionaria, nel rispetto dei parametri generali del Programma Emtn in cui tale operazioni rientreranno.

Le risorse raccolte saranno destinate in primo luogo al rimborso della linea ‘Bridge to Bond’ da 1,6 miliardi di euro entro la scadenza del 1 luglio 2017, salvo esercizio da parte della società della facoltà di proroga fino al 1 gennaio 2018. Inoltre, l’attuazione del Programma Emtn consentirà a Saipem di cogliere prontamente opportunità di finanziamento offerte dal mercato dei capitali e da investitori istituzionali nel corso dei prossimi dodici mesi. Joint arrangers del programma Emtn sono BnpParibas e Unicredit.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni Saipem