Roma A.S. studia lancio bond per realizzare stadio

Roma Calcio e Goldman Sachs stanno preparando il lancio di un bond da 300-400 milioni per finanziare la realizzazione dello stadio

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Roma Calcio e Goldman Sachs stanno preparando il lancio di un bond da 300-400 milioni per finanziare la realizzazione dello stadio

Il calcio italiano parla sempre più la lingua di Goldman Sachs. La banca d’affari, scrive Il Sole 24 ore, sarebbe al lavoro per il presidente dell’ As Roma, James Pallotta: trovare il finanziamento alla costruzione del nuovo stadio e per la realizzazione delle altre opere adiacenti alla struttura da 52.500 posti a sedere (estendibile a 60.000).

Goldman, prosegue il giornale, agirebbe come book runner e starebbe cercando di coinvolgere altri istituti (circola il nome di Ubi Banca, già al fianco di Goldman sul bond dell’Inter) per ottenere un prestito tra i 300 e i 400 milioni. La struttura finanziaria che potrebbe essere prescelta per il nuovo stadio della As Roma, come è ormai consuetudine per molti club di serie A, potrebbe essere quella dell’emissione di un bond sottoscritto da investitori istituzionali, con determinate garanzie sottostanti.

Al momento, però, uno “stadio-bond” non sarebbe ancora stato definito e neppure preferita a finanziamenti più tradizionali, come delle normali linee di credito. I legami tra Pallotta e Goldman sono, del resto, molto forti. La banca d’affari americana ha già in pegno il 100% del veicolo Stadio Tdv di proprietà della Neep Roma Holding (la cassaforte che fa capo a Pallotta e che controlla la As Roma). Non è inoltre da escludere che proprio la finalizzazione del progetto stadio della As Roma possa diventare l’ultimo sforzo di Pallotta prima di prendere la decisione di cedere il club giallorosso con il family office Raptor.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti

I commenti sono chiusi.